Ghedi la Polizia locale sui bus Saia, Cgil: no ad azioni discriminatorie

5

Agenti della  Polizia locale  sui pullman di linea «per garantire la sicurezza» nel tratto compreso nel territorio di Ghedi. Ad annunciarlo nei giorni scorsi è stato lo stesso sindaco di Ghedi e nella giornata di domani, apprendiamo, verrà sottoscritto un protocollo apposito con l’azienda di trasporto Saia.

Il sindaco di Ghedi non è il primo che promuove iniziative del genere: già cinque anni fa, infatti, ad avviare un progetto analogo era stato il sindaco di Villa Carcina. Allora finì col ritiro del provvedimento, dopo la minaccia di un’azione antidiscriminatoria promossa da Fondazione Piccini e Asgi.

Per questo sul tema è intervenuta la Cgil, sottolineando come "Il tema della sicurezza, degli utenti e degli autisti, è questione delicata che non può essere strumentalizzata per campagne contro i «clandestini e i malintenzionati», come annunciato dallo stesso sindaco di Ghedi. Per parte nostra leggeremo i termini del protocollo, verificheremo come sarà attuato e, se è il caso, metteremo in campo azioni adeguate contro il Comune e l’azienda per contrastare eventuali comportamenti o atti discriminatori nei confronti delle persone. Nel frattempo l’augurio è che gli autobus di linea possano attraversare il territorio di Ghedi con i consueti tempi di percorrenza e non siano costretti a estenuanti soste in attesa del controllo dei documenti di identità da parte della Polizia locale. O questi saranno mirati in base al viso o al colore della pelle per velocizzare i tempi?"

Comments

comments

5 COMMENTS

  1. Ma sto C…o di sindacati tutelano i lavoratori o chi delinque? Prima le donne rom , adesso non vanno bene i controlli sui pullman….. Ma stiamo scherzando? Io che rispetto le leggi da chi sono tutelato e rappresentato ? Mi sento preso in giro

  2. La Cgil (volutamente minuscolo) ha proprio rotto… Hanno ragione quelli che dicono che è razzista verso noi Italiani. Cosa vogliono ? Gli immigrati possono fare a meno di pagare il biglietto,possono fare a meno di pagare l'affitto, possono fare a meno di lavorare … ( poverini tutti li sfruttano) Noi invece dobbiamo solo mantenerli … Ma andate a quel paese mi fate vomitare. Mai più la vostra tessera. Il vostro gioco è quello di avere tesserati extracomunitari è purtroppo vi devo dare ragione fra poco in Italia saranno loro in maggioranza perché noi ce ne andremo tutti all'estero.

LEAVE A REPLY