Lega Nord in piazza in 132 comuni per chiedere asilo

17

Un week-end all’aperto per gli attivisti della Lega Nord, non per godersi la primavera bensì per protestare contro il trattamento riservato dallo Stato agli immigrati richiedenti asilo. Il motto della protesta sarà il polemico "Chiedo asilo anch’io, prima il cittadino non il clandestino", a voler evidenziare che il trattamento riservato agli immigrati sbarcati sulle coste italiane è migliore rispetto all’attenzione che lo Stato riserva a tanti pensionati con l’assegno minimo, o a tanti disoccupati.

L’obiettivo del fine settimana è quello di far firmare ai cittadini una richiesta tramite la quale rinunciare alla cittadinanza italiana e chiedere lo status di rifugiati politici, per avere i loro stessi benefici. A fine iniativa le richieste saranno poi consegnate alle prefetture delle varie città. 

Saranno complessivamente 132 i gazebo presenti nei comuni bresciani, il numero più alto tra tutte le province lombarde, forse dovuto anche alle recenti manifestazioni di Diritti per tutti per chiedere la riapertura dei fascicolo delle domande di asilo respinte a Brescia. Proprio su questo si sono soffermati ieri i tre esponenti del Carroccio che hanno presentato la mobilitazione, il segretario provinciale Paolo Formentini, la responsabile dell’organizzazione Elisa Fontana e il consigliere regionale Fabio Rolfi. Formentini ha posto l’accento sui numeri: "Su 5222 domande ne sono state approvate solo 1131 e questo significa che 8 immigrati su 10 sono clandestini. Stupisce come la Giunta comunale si spenda in spedizioni romane per difendere le istanze di queste persone e non per tutelare i diritti dei tanti Bresciani in difficoltà". Rolfi invece vuole puntare il dito contro la missione romana di Fenaroli, che si è attivato, spendendo risorse del Comune, per difendere quelli che sono, a tutti gli effetti, clandestini e andrebbero espulsi.
(red.)

Comments

comments

17 COMMENTS

  1. bella idea per animare le piazze dai almeno i comuni risparmiano denari da destinare allo spettacolo. la verita’ che sono problemi seri che andrebbero seriamente affrontati cosa che la lega e il centro destra non sono stati mai in grado di fare ieri ed oggi in tante e diverse istituzioni. Ma cosi’ va il nostro paesello purtroppo

  2. Tutti coloro che firmeranno volontariamente per rinunciare alla cittadinanza italiana dovrebbero essere accontentati all’istante, con tutte le conseguenze del caso: ritiro di tutti i documenti, cancellazione da tutti i servizi pubblici e privati (scuola, sanità, fisco, catasto, trasporti, motorizzazione, banche, assicurazioni, ecc.), perdita di tutte le proprietà immobiliari, perdita del lavoro; insomma per coerenza con quanto da loro richiesto dovrebbero essere messi nelle condizioni di chiunque arrivi nel nostro Paese da "clandestino". Da quel momento in poi, dovrebbero potere accedere a tutti i "privilegi" concessi ad un "clandestino", compresi le vacanze in hotel di lusso, i lauti pasti gratis, le mance, l’inserimento nelle graduatorie per le case popolari, insomma dovrebbero fare una vera e propria vita da immigrato; altrimenti è solo un’inutile e stupida pagliacciata.

  3. Evviva i fratellimigranti che ci portano la civiltà….Naturalme nte con i bravi ragazzi dei centri sociali reduci dagli sballi delle loro feste rave….Che bel fututo ci aspetta: piddini e centri sociali assieme!

  4. Una volta un gruppo di leghisti ha preso un barcone ed ha tentato di fare il percorso inverso, da Lampedusa all’Africa…. sono tornati indietro perché il mare era un po’ mosso ed avevano il mal di mare……. pagliacci.

  5. quanta demagogia! me l’aspetterei da una formazione tipo 5stars ma da certe fromazioni politiche cosi’ dentro nel sistema paese Italia da anni nella buona ma soprattutto nella cattiva gestione del paese e’ una cosa "meravigliosa"

  6. Non mi è chiaro il riferimento al Movimento 5 Stelle, se non perchè effettivamente è l’unica formazione politica a non aver gestito la cattiva sorte del Paese nè aver pattecipato a quella che qualcuno forse suppone essere stata la buona sorte, cioè il consociativismo spartitorio responsabile dei duemila miliardi di debito pubblico che è il nostro vero cappio al collo. Se il riferimento è alla demagogia, a me vengono in mente Berlusconi e Renzi. Fate un po’ voi…

  7. Vorrei vedere se quei finti buonisti filoPD e filoCentriSociali accetterebbero nelle loro case queste persone…ho i miei dubbi…

  8. si hai capito perfettamente. la mia era una costatazione legata solo al fattore temporale. poi vi auguro di resistere all’infinito anche se gli innumerevoli fuoriusciti dal gruppo 5stel a roma fanno gia’ capire l’andazzo. detto cio’ l’italia ha bisogno di riforme serie con persone serie per ora stiamo assistendo solo a "venditori di fumo, bravissimi venditori di fumo "

  9. Quanti sono, per ora, i leghisti trasferiti in un CARA (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo)? Neanche uno su ben 132 gazebo? Nemmeno uno dei promotori dell’iniziativa? Hanno tutti preferito restare ancora cittadini italiani? Allora questa manifestazione è stata una pagliacciata dei soliti ciciarù verdi per prendere in giro gli elettori.

LEAVE A REPLY