Volley, Tempini torna a vincere in casa battendo nella sfida salvezza Offanengo

0
Pallavolo
Bsnews whatsapp

La Tempini Azzano Brescia torna a vincere tra le mura amiche dopo ben sei sconfitte consecutive (l’ultima vittoria casalinga risale al 6 dicembre contro Busseto per 3-1)  e lo fa in una sfida importantissima: uno scontro salvezza contro l’Imecon Offanengo Cremona. Une 3-1 al cardiopalmo che ha visto la formazione bresciana perdere al photofinish il primo parziale e vincere gli altri tre sfruttando una reazione d’orgoglio che mancava da troppo tempo in campo azzanese.  Sono tre punti fondamentali, quindi, quelli ottenuti da Rachtian e compagni che gli permettono di portarsi in settima posizione in classifica a quota 34 punti (superando l’Akomag Busseto) , a più otto dalla zona rossa e al contempo a meno quattro dal raggiungimento della salvezza matematica.

I bresciani scendono in campo con Rachtian al palleggio, Indiani e Gorlani al centro, Fava e Crotti ad occupare la diagonale di posto quattro, Rinaldi opposto e Zoadelli libero ma è Offanengo a partire bene e in brevissimo tempo si porta in vantaggio per 3-0. Il punto di Rinaldi e i due errori avversari ristabiliscono la parità che prosegue fino al 5-5. È la Tempini a raggiungere per prima il primo time-out tecnico sull’8-6. Il break di vantaggio viene mantenuto e poi incrementato fino al 15-11; dopodiché dormita della squadra bresciana che si fa recuperare e sorpassare. Dopo un’azione infinita caratterizzata da ottimi salvataggi  da parte di entrambe le compagini, sono sempre i comaschi a guidare il parziale seppur per un solo punto. La sfida si infuoca ed è lotta punto su punto:  sia Azzano che Offanengo non risparmiano colpi. È però l’Imecon a guadagnarsi per primo il set-ball e a portarsi a casa il set 25-22.

Nel secondo è invece la formazione ospite a passare 8-6 e sembra gestire meglio il gioco. Azzano da segni d’orgoglio ed ecco che recupera e supera sull’11-10. Capitan Rachtian incrementa il vantaggio grazie al suo ace. Vantaggio che viene però subito annullato ed è nuovamente vantaggio per Offanengo (16-15).  Nuovo stacco azzanese: sono cinque ora le lunghezze che separano i padroni di casa dagli avversari. Cinque punti nuovamente rimarginati a causa di errori banali. Offanengo non sfrutta il set-ball,  Sabaragamu segna a muro il 24-24 e Fava pensa a chiudere il set 26-24.

Il primo time-out è destinato a chiudersi ancora una volta a favore di Offanengo con il medesimo punteggio dei precedenti. Ancora troppi gli errori in ricezione, ma in compenso, migliora il fondamentale a muro grazie ad un buon turno di Sabaragamu. È Azzano, ora, a dettare il ritmo e spinto dall’entusiasmo e dal tifo dei propri tifosi non fa che segnare punti su punti. Il tabellone, sul finale, recita 24-17: chiude Indiani 25-18.

Partenza sprint per i ragazzi del presidente Gogna, che nel quarto e decisivo set conducono 10-5. Qualche decisione arbitrale discutibile permette all’Imecon di riavvicinarsi. Il tabellone segna 13-10 e 16-10 grazie all’ace di Fava. Rinaldi è inarrestabile, così come “Saba” lo è a muro. Offanengo sembra non averne più ed inizia a commettere banali errori che permettono alla Tempini di proseguire nel migliore dei modi fino al 21-21. È Azzano ad avere tra le mani la palla del match-ball: la prima viene bruciata dal servizio errato di Rachtian la seconda da Fava. Chiude con un muro, quello che è stato il migliore in questo fondamentale: Sabaragamu.

“Il problema della mia squadra rimane sempre il carattere . Tecnicamente possiamo giocare con chiunque però se escono le incertezze e non siamo capaci di reagire rischiamo il recupero e la sconfitta”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI