Regione Lombardia approva la mozione: Valvestino e Magasa più vicini a Trento

3
Bsnews whatsapp

La lunga strada verso l’annessione al Trentino è partita ufficialmente con il referendum del 2008 (leggi la notizia), ed ha visto ieri un nuovo decisivo passaggio in Regione: Magasa e Valvestino sono sempre più vicini a lasciare la provincia di Brescia e la Lombardia. 

La mozione approvata con 45 voti favorevoli e 12 astensioni, dei consiglieri del Partito Democratico (che considerano una sconfitta il mancato sostegno alle due piccole comunità), è stata presentata dal capogruppo della Lega Nord Fabio Rolfi. Tecnicamente si è trattato di porre il nulla osta al passaggio dei due piccoli comuni al Trentino, ma la parola definitiva spetta ora al Parlamento che dovrà emettere un’apposita legge per l’approvazione. 

Se alla fine il desiderio dei cittadini sarà esaudito si tratterà per le due comunità di un ritorno al passato: fino al 1934 i due comuni erano di fatto trentini, e addirittura fino al 1964 le due parrocchie facevano parte della Diocesi di Trento.
(red.)

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

3 COMMENTI

  1. Macchè vergogna: fino al 1918 le due comunità hanno fatto parte dell’impero austro-ungarico, nel 1866 gli venne chiesto se andare sotto l’Italia e rifiutarono. Il Catasto attualmente vigente è quello tavolare austriaco, nei cimiteri i caduti sulle lapidi sono quelli della guerra 1914-1918: quasi tutti morti nel 1° anno di guerra in Russia e Galizia nei reggimenti tirolesi. Il tribunale competente è a Trento. Il Consiglio provinciale trentino ha già dato parere favorevole per il ritorno delle due comunità. Ritengo invece che si sia speso ancora troppo tempo per dare attuazione al già tenuto referendum popolare. I "democratici" si astengono per non votare contro…ridicoli. Perché essere contrari a che queste due piccolissime e poverissime comunità tornino a far parte di della comunità trentina (dove ci sono già state per mille anni)?

RISPONDI