Trasferta veronese per il disturbatore clown: è un 22enne di Gavardo

0
Bsnews whatsapp

"I’m Doctor Kegel, I’ll save the school". Questo l’urlo con il quale il disturbatore seriale travestito da Krusty il clown si è introdotto nei locali dell’Istituto Marconi di Verona. Ma l’ennesima incursione gli è stata fatale: inseguito caparbiamente da un professore in biciletta è stato infine individuato dalla Polizia mentre stava per salire su autobus. Qui si è scoperta la sua identità: si tratta di un giovane 22enne di Gavardo, residente a Brescia. 

Nei mesi scorsi il "Doctor Kegel" (chissà dove è stato preso il nome) ha fatto incursione, travestito da clown, in alcune scuole veronesi, poi si è trasferito a Mantova. Le sue azioni, in alcuni casi riprese con una videocamera, non sono mai state violente, ma hanno creato non poco trambusto nelle scuole, nelle quali ha lanciato volantini di rivendicazione o pigne, contro gli insegnanti. Le sue intenzioni? Salvare la scuola pubblica, assistere gli studenti nelle loro lotte contro il "sistema". Una volta scrisse, rivolgendosi agli studenti: "L’unico passo falso che possiate fare è cedere al terrorismo psicologico e lasciare il dottore da solo. In quel caso non sarà possibile tornare indietro e continuerete ad andare a scuola come se fosse un carcere".

Ieri l’ultima (forse) incursione: approfittando di una porta nel cortile interno dell’istituto Marconi ha raggiunto il secondo piano, si è infilato in due aule ed ha urlato lanciando i suoi volantini che riportano una falsa carta d’identità, dove dice di essere un ingegnere inglese nato nel 1986. Tornato in strada ha cercato di scappare a corse ma è stato inseguito da un professore a bordo di una bicicletta. Poco dopo è stato fermato dalla Polizia mentre saliva su un autobus in piazzale Olimpia. Qui si è scoperta la sua identità, e le sue origini bresciane.
(red.)

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Un vero idolo!!! Che vita triste doveva avere quel docente per rincorrerlo in bicicletta e assicurarlo alle forze del cosiddetto ordine.

  2. finalmente la grande Brescia! Un premio a questo uomo che porta un briciolo di sorriso nella vita quotidiana. Ma stava scappando prendendo l’autobus?? Un altro premio per il senso ecologico !! Più pigne per tutti!!

  3. Gli studenti italiani, più che essere assistiti da un’esibizionista delirante in una presunta "lotta al sistema", dovrebbero riscoprire il valore dello studio, dell’apprendimento, dell’acquisizione di competenze e, su tutto, della cultura come baluardo di civilità. Insomma, riscoprire tutto quanto hanno purtroppo messo in secondo piano assistiti da genitori permissivi e da insegnanti rassegnati ad un ruolo secondario e vilipeso.

  4. la questura… mi sembra un po’ eccessivo. Per me si tratta di un metodo alternativo di portare avanti un’idea. Non va affidata alla giustizia.

RISPONDI