Castel Mella, martedì 28 una serata dedicata alle donne nella Seconda Guerra Mondiale

0
Bsnews whatsapp

In questi giorni nei quali la Sala Consigliare di Castel Mlla ospita la mostra itinerante contro la violenza sulle donne intitolata “Seguendo il filo di Arianna”, nel Comune si susseguono le iniziative che mirano a sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema tanto importante e a valorizzare il messaggio lanciato dalla stessa rassegna che chiuderà i battenti la prossima domenica 3 maggio. In questo senso l’Amministrazione Comunale castelmellese e la Commissione Pari Opportunità, insieme al Distretto del Commercio di Castel Mella, Flero, Roncadelle e Torbole, hanno deciso di presentare per martedì 28 aprile “Le donne nella Seconda Guerra Mondiale: storie di coraggio e di resistenza”. La serata, che inizierà alle 20.30 e sarà ad ingresso libero:

“Abbiamo voluto organizzare una serata alla quale invito il maggior numero di persone – spiega Paola Filippini, assessore alle Pari Opportunità del Comune di Castel Mella – In effetti, prendendo spunto dai settant’anni della Liberazione e vista la lla mostra “Seguendo il filo di Arianna”, abbiamo voluto proporre alla comunità una serata alla scoperta di quello che è stato il vero contributo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale. L’iniziativa sarà accompagnata dalla voce di Elena Lorandi, che leggerà alcune pagine del libro “Dalle storie alla Storia” della professoressa Bruna Franceschini dell’Anpi di Brescia. Racconti della Resistenza di donne “normali” in tutto e per tutto, nate e vissute nella nostra provincia. Figure femminili che con forza d’animo e coraggio, senza armi e nemmeno violenza, si sono impegnate in quella che alcuni storici hanno definito la “Resistenza civile”. Una scelta compiuta per amore dei figli, dei fratelli, dei mariti e dei padri e per un forte senso civico che, purtroppo, spesso le ha rese vittime di violenze, interrogatori, torture ed intimidazioni tanto quanto i “loro” uomini impegnati magari sul fronte. In molte situazione queste donne inermi, ma dotate di grande coraggio hanno opposto alla crudeltà dei loro carnefici l’amore per il prossimo e i valori che meritano di essere ricordati anche oggi e in futuro. E’ con questo spirito che abbiamo voluto dare vita a questa serata che vuole essere non solo un altro modo per valorizzare le donne e combattere la violenza che viene esercitata contro di loro, ma si prefigge pure di trasmettere al presente e alle nuove generazioni gli ideali di cui quelle donne della “Resistenza civile” hanno saputo farsi paladine”.                     

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI