Fumano canne sul bus dopo scuola: tre studenti denunciati e 80 identificati

0

Ogni giorno sempre la stessa storia. Usciti da scuola gli alunni della Scuola Bottega alla Pendolina prendono l’autobus che li accompagna in stazione e durante il tragitto fumano hashish e marijuana. Gli autisti di Brescia Trasporti assistono alla stessa identica scena ogni giorno: adolescenti che non si fanno problemi a rollarsi una canna sull’autobus, ne tantomeno ad accenderla, nonostante i divieti.

Ma il viaggio dalla scuola alla stazione mercoledì è stata decisamente diverso. Tre pattuglie della Polizia Locale hanno seguito l’autobus e, nei pressi del parcheggio dell’Iveco, gli ha imposto lo stop per far salire nove agenti, cinque della polizia giudiziaria e quattro del nucleo operativo, e i cani antiodroga che hanno iniziato a fare il proprio lavoro. Intanto dal finestrino piovevano pezzi di hashish e marijuana di cui i ragazzi hanno tentato di sbarazzarsi. Nel corso del blitz però gli agenti hanno trovato una cinquantina di dosi tra fumo, erba e spinelli già pronti per essere accesi. Tre le denunce nei confronti di altrettanti minorenni per detenzione di sostanza stupefacente e ottanta in totale gli studenti identificati.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. di sicuro non è giusto, ma non credo che la repressione serva a cambiare. Serve legalizzarla, ecco cosa farebbe davvero cambiare, non i giovani o chi ne fa uso ma gli sforzi della polizia, nove agenti per qualche canna????

  2. se uno di quei ragazzi fosse tuo figlio, saresti sempre della stessa idea? e poi come mai così tante dosi? i soldi dove li prendono? sei ancora dell’idea che i vigili abbiano fatto male ad intervenire? indipendentemente, se è vietato fumare sul bus, perchè questi lo fanno? no è giusto affermare che le leggi e le regole si rispettano?

  3. appena entra a casa…se fosse mio figlio/figlia lo prendo a pedate nel culo…ma tante che non si siede più per una settimana!!!

LEAVE A REPLY