Mezzi pubblici: a Brescia 2 milioni di viaggiatori in più nel 2014

0
Bsnews whatsapp

15 milioni di viaggiatori, due in più rispetto all’anno precedente. Il sistema di trasporto pubblico urbano piace sempre più ai viaggiatori: in un solo anno, nel corso del 2014, i biglietti venduti sono incrementati di ben il 15%.

Sono dati positivi quelli presentati ieri in Commissione Trasporti dall’assessore alla Mobilità Federico Manzoni e dal mobility manager Nadia Bresciani, accompagnati dal direttore generale di Brescia Mobilità Marco Medeghini e dal direttore di Brescia Trasporti Claudio Garatti.

Monitoraggio 2014 del Tpl presentato ieri dall´

I DATI. 5 milioni e 227mila i biglietti staccati, il 91% dei quali per la zona 1; buono il dato del 4,1% di biglietti validi per 24 ore, possibilità introdotta solo recentemente. In merito alla puntualità dei mezzi su gomma i dati parlano di un 92,26% delle corse con ritardi inferiori ai 5 minuti, il 5,42 sotto i 10 e l’1,89% sotto il quarto d’ora. Ovviamente più puntuale la metropolitana, che viaggia senza traffico e vanta il 99% di corse in perfetto orario. 

I CONTI. Ammontano complessivamente a 28,5 milioni i soldi necessari per far girare la metro; a fronte dei 2 milioni provenienti da Regione Lombardia, e dei 4,9 milioni di ricavi, l’esborso netto della Loggia ammonta così a 21,6 milioni di euro. Molto meno salato il conto da pagare per far viaggiare gli autobus: i costi ammontano a 20,1 milioni, 12 arrivano dal Pirellone e 8 li mette il Comune.   

I "PORTOGHESI". I viaggiatori sprovvisti di biglietto sono scesi dal 9,28 all’8,15% per quanto riguarda i bus, e dal 3,87 al 2,33% per la metropolitana. Indicativamente sono circa 300 al giorno.
(red.)

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Circa 5 milioni di ricavi (all’anno) a fronte di costi per 28,5 (all’anno): esborso netto del Comune circa 22 milioni di euro all’anno. Questi sono esattamente i "numeri" del conto economico del Metrobus. Certo, basta sestuplicare i ricavi specifici e forse ci siamo. Messaggio: trattasi di impegno civico, quindi diamoci tutti da fare. Io passerò dalle attuali 4 volte all’anno alle 24…

  2. Il liutaio pensa che per i servizi si debba applicare lo stesso metro del bilancio aziendale? I servizi non devono produrre utili monetari: altrimenti chiuderemmo scuole, ospedali, case di riposo, centri di assistenza per disabili. Le scuole le facciamo solo se il loro funzionamento consente di coprire i costi della loro realizzazione e della loro gestione? Non mi pare…

  3. Perche’ il violinista diffamatore non attacca pure Manzoni? Attendiamo con pazienza le sue petulanti sparate. I dati qui sopra sono positivi e in gran parte va dato atto alla grande competenza e dedizione dell’Assessore (non di altri che critico fortemente dunque evitare le solite sparate). Resta VERGOGNOSO l’esborso di 2 milioni da parte della Regione.

  4. Gli zelanti laudatores dell’Amministrazione sono pronti a magnificare anche la catastrofe Metropolitana, visto che è stata procurata dai loro capetti i quali hanno perfino ignorato il risultato del referendum ad essa relativo. Questi capetti sono gli stessi che hanno ucciso la gallina dalle uova d’oro ASM, sui dividendi della quale avevano fondato le speranze di sostenere i bilanci della Metro. Ma la colpa è di chi rimarca la situazione: puerili.

  5. Ti rammento che non fu raggiunto il quorum. Ero a favore della metro e non andai a votare, molto ma molto semplice. Ignorare cosa dunque? Forse al periodo cui si lega il tuo nickname si sarebbero prese decisioni meno collegiali, non in questo caso. Dunque…non ragliare

  6. Come argomento, l’insulto. Mi complimento. La scelta di legare la validità del referendum al raggiungimento del quorum fu strategica. Se in futuro, alle elezioni amministrative o politiche non si raggiungerà il quorum, verranno invalidate? Pare di no. Altro "dettaglio". si votò fino alle 20 anziché fino alle 22, come si era soliti. Certamente molti servizi pubblici sono erogati in perdita, ma costi pari a sei volte i ricavi con uno sbilancio di circa 25 milioni di euro si giustificherebbero, con parecchia fatica, solo a fronte di servizi vitali, mentre il metro non lo è, visto che c’erano alternative preesistenti. Rendo omaggio al suo genio.

  7. Manzoni è persona stimabile, seria, per bene, corretta, assai dedita al suo ruolo pubblico ed istituzionale. E’ pure un politico accorto e navigato, benchè giovanissimo, e non gli manca la giusta dose di ambizione personale. Qualcuno potrebbe dirci che la competenza, per un assessore alla Mobilità, sia qualcosa di più che esporre dati di traffico che, peraltro, non si possono personalmente determinare. Ecco, qualcuno magari vorrebbe che Manzoni ci presentasse, d’intesa con la galassia delle società controllate, una sua attualizzata revisione del mitico piano dell’investimento nel Metrobus, parlandoci oggi lui di costo del capitale investito, e magari di come, seondo lui potranno evolvere i flussi di cassa generati, magari contenendo le uscite monetarie di lavoro, gestione e manutenzione e magari aumentando le entrate monetarie con sue inziative commerciali di forte incremento dell’utenza. E poi potrebbe concludere (lo faccia, una volta per tutte) che le colpe dei padri, quelli politici, non ricadono certo sui figli. Tutti gli darebbero volentieri ed uteriormente atto della dedizione e della competenza.

  8. Gentile Minculpop, non ho "capetti", non ho lodato nessuno e, per sua consocenza, al referendum ho votato NO alla metropolitana. Ho votato, esercitando un diritto e secondo me anche un dovere: se la maggioranza dei bresciani non ha votato (lasci stare gli orari, oppure non parli di altrui puerilità…) non può che accontentarsi delle decisioni di chi è stato delegato ad amministrare. Come me le sono dovute tenere anche io, che ne sia contento o meno. Ho sollevato una questione nei confronti del liutaio petulante (definizione mia, ripresa da chi mi ha seguito in un successivo commento): ho chiesto se per un SERVIZIO si debba ragionare in termini di bilancio aziendale. Nè il liutaio, nè lei trovate utile rispondere nel merito. Ne prendo atto.

  9. Non dovendo difendere Manzoni (che il liutaio petulante fino a ieri qui definiva "il giovin Manzoni", a riprova della "stima" che in lui evidentemente ripone… ad intermittenza), mi limito a segnalare che stradivarius, in altro post, critica Fondra (che non devo difendere) perchè presenta progetti sul parco delle colline: insomma, perchè fa "qualcosa in più che esporre dati". Mai contento, insomma, il nostro liutaio…

  10. E’ il nostro violinista OMNISCENTE…ramment iamo tutti la critica fatta finamai al pan di spagna di Massari. Da sempre diffido di questi personaggi che sostengno di essere i detentori della verita’. Ma stradivarius e’ solamente una persona grillina ignota o e’ UNO e TRINO. Chissa’!!!

  11. Censore, mi ricorda il Conte di Culagna "…che era fuor de’ perigli un Sacripante, ma, nei perigli, un pezzo di polmone. Divrebbe avere un secondo nick-name: valvassino.

  12. Chiudi le parentesi quando le apri! Date le citazioni e gli errori dietro il nick "minculpop" c’e’ dietro "stradivarius"? Attenzione.

  13. "Quis tulerit Gracchos, de seditione querentes"? (Ho chiuso le virgolette e aperto, poi chiudo, le parentesi) Confondi le parentesi con le virgolette. La tua confusione, non mi sorprende: la manifesti anche col pensiero. Inoltre; fai come era solito fare Ricciardetto: quando gli mancavano gli argomenti per confutare le opinioni altrui, che non condividesa, andava alla ricerca di errori di battitura o grammaticali. Inoltre mi sembri monomaniaco: non sono Stradivarius, non sono del suo orientamento politico, ma gli riconosco capacità argomentative, anche quando, accade di frequente, non sono d’accordo con lui. Ti parrà impossibile, vero?

  14. Pretendi di fare le pulci agli altri, poi confondi l’oNniscIente con l’omnibus. Come se non bastasse parli FINAMAI in italiacano.

  15. Mi limito ad una mia arcinota immagine: ci sono i fatti e ci sono le opinioni. I fatti portano assai vicino alla verità, le opinioni spesso assai lontano. Si resta allibiti quando, scrivendo evidenti opinioni a commento di notizie, si viene scambiati o sanzionati per petulanti detentori e spacciatori di verità. Lo dico a molti dei commentatori: automaticamente mi date del credito, che è nel mio caso assolutamente fasullo, inesistente nonchè del tutto millantato. Esponete serenamente le vostre opinioni e confrontatevi possibilmente sulla sostanza e non sugli accidenti, magari tirando fuori ogni tanto dei fatti (e dei numeri) così "tonificate e supportate " le vostre opinioni…

  16. Nella sostanza: chiedevo se i SERVIZI vadano valutati con logica di bilancio aziendale. Nella sostanza, nessuna risposta nè dal liutaio, nè dal min-cul-pop. Ri-prendo atto: pare sia una risposta non facile…

RISPONDI