Riunita la giunta dei sindaci. Piatto forte il Parco delle Colline

0

Si è occupata di ambiente la Giunta dei Sindaci che si è riunita a Palazzo Loggia giovedì 7 maggio. L’incontro è stato presieduto dal vicepresidente e sindaco di Nave Tiziano Bertoli, mentre per conto del sindaco di Brescia Emilio Del Bono era presente l’assessore all’Ambiente Gianluigi Fondra, che ha introdotto i tre temi di carattere ambientale all’ordine del giorno.

La prima proposta è stata quella di nominare un rappresentante dei comuni aderenti alla Giunta per integrare i componenti dell’Osservatorio Acqua Bene Comune. Dalla discussione è emerso che saranno proposti due nomi in rappresentanza dei comuni (uno a nord e uno a sud del capoluogo). Quindi è stato presentato lo stato di avanzamento delle proposte in corso di elaborazione della variante del Pgt di Brescia.

In particolare – spiega una nota del Comune di Brescia – “si intende allargare il perimetro del Parco delle Colline nord/est, integrando gli ampliamenti già in corso del Comune di Collebeato e scendendo verso sud lungo gli argini fluviali del Mella per congiungersi, attraverso Roncadelle e Castelmella, al Parco Regionale del Montenetto in territorio di Capriano del Colle”. Inoltre è stata presentata la strategia complessiva di istituzione dei corridoi ecologici che, attraverso il costituendo Parco delle Cave, mira a collegare il Parco delle Colline a nord e in direzione sud-ovest il parco del Montenetto, costituendo così una cintura verde intorno alla città. Oltre ai corridoi ecologici, è prevista una rete di percorsi ciclabili che consentiranno un collegamento circolare attorno al capoluogo, raccordandosi con i comuni confinanti e con i percorsi che portano oltre l’area vasta.

Infine è stato proposto ai Comune di aderire alla costituzione di un Osservatorio Aria dedicato all’approfondimento scientifico delle tematiche connesse all’inquinamento atmosferico dell’area vasta.  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. questo è quello che tutti i cittadini chiedono: il parco delle colline. Basta temi come lavoro, solidarietà, sfratti!! Basta sono fuori moda. Si parli di parchi, di passeggiate…. Si lamentano perché sono disoccupati???’ Ma fatevi una bella scampagnata!!! Mamma mia che barba questi disoccupati….. Bravo fondar, hai centrato l’argomento!!

  2. Difronte ad una dissertazione quasi grittesca che descrive parchi inesistenti o futuribili soprattutto nel quinto Comune più inquinato d’Europa come Brescia, ci piace la Costituzione dell’Osservatorio Aria: l’aria è invisibile ma noi la osserveremo, con degli strumenti di analisi ovviamente, ma suona quasi come un lapsus freudiano. Splendido, per finire, il "raccordo anulare" (come quello viario romano) tra le piste ciclabili. I sogni son desideri, come diceva Walt Disney…

  3. Se l’assessore all’ambiente non parlasse di parchi, il liutaio petulante disserterebbe sulla mancanza di progettualità dell’assessorato all’ambiente. Se l’assessore all’ambiente non affrontasse il tema del monitoraggio della qualità dell’aria, il tuttologo delle retrovie stigmatizzerebbe tale imperdonabile inadempienza. Non che io abbia particolari simpatie per Fondra, ma rispetto al pensionato stizzito che guarda i cantieri da dietro la rete per sentenziare su quello che non va…

LEAVE A REPLY