Stagione opera e balletto al Grande, disponibili i nuovi abbonamenti

0

Da domani giovedì 14 giugno e fino al 21 maggio sono disponibili i nuovi abbonamenti per la Stagione Opera e Balletto 2015 del Teatro Grande. La sottoscrizione dell’abbonamento è fattibile sia alla Biglietteria del Teatro Grande (mar-ven 13.30-19.00; sab 15.30-19.00) sia on line sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it.

Come ogni anno la Fondazione del Teatro Grande riserva un’attenzione particolare ai giovani per avvicinarli sempre di più al mondo dell’opera. Anche per la Stagione 2015 il prezzo degli abbonamenti per gli Under 30 sarà unico per entrambi i turni e scontato oltre il 50% rispetto all’abbonamento intero.

Ricordiamo che il cartellone dell’anno 2015 prevede 4 titoli d’opera e uno di balletto classico, tutti programmati in doppia rappresentazione (turni di abbonamento A e B). Le date degli spettacoli si distribuiscono come d’abitudine nei mesi di ottobre, novembre, dicembre. Il titolo inaugurale che aprirà la Stagione 2014 sarà il celebre capolavoro pucciniano La Bohème. Seguiranno Le Nozze di Figaro di Mozart, La Scala di seta di Rossini, Un Ballo in maschera di Giuseppe Verdi. La Sylphide, danzata dal Balletto dell’Opera di Tirana, sarà il titolo di balletto classico che chiuderà la Stagione.

A conclusione della campagna abbonamenti, i biglietti per tutti i singoli spettacoli della Stagione d’Opera verranno venduti dal 30 maggio on line e alla Biglietteria del Teatro Grande. I possessori della TeatroGrandeCard potranno esercitare il diritto di prelazione dal 26 al 29 maggio.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Quest'anno dopo 20 che ero abbonata con tre amiche non abbiamo più rinnovato. Motivo la scorsa stagione è stata inguardabile più volte siamo uscite dopo il primo atto.
    La stagione nuova annunciata a caratteri cubitali sui giornali locali si preannunciava anche peggio con una Boheme in lettura hippy.
    Siamo stufi di vedere queste rivisitazioni lasciamo le opere come le hanno fatte e ambientate i loro autori.
    Oltretutto chiedere soldi per l'abbonamento sempre prima per quale motivo?
    Sono dispiaciuta di tutto questo, per vedere spettacoli degni di questo nome emigreremo in gruppo in qualche provincia limitrofa.

LEAVE A REPLY