L’An non riesce a fermare la corsa della Pro Recco, ancora campione d’Italia

0

All’An Brescia non riesce l’impresa di fermare la corsa della Pro Recco: a Sori, la gara 3 della finale scudetto finisce 11 a 7 (2-3, 4-2, 2-1, 3-1, i parziali) a favore del team di Igor Milanovic che, così, si laurea campione d’Italia per la decima volta consecutiva, e ventinovesima in totale. Parte molto bene il sette bresciano, ben quadrato in difesa e concreto in fase offensiva, riuscendo arrivare sul 3 a 0 a poco più di due minuti dalla fine del primo quarto, e poi rimanendo sul più due fino a quasi la metà della seconda frazione. Dopo di che, la situazione si ribalta, con il Recco che riesce a imporre il proprio ritmo, arrivando a piazzare il break pressoché decisivo con quattro reti una di fila all’altra. Con generosità e carattere, l’An si batte e prova, e riprova, a tenere aperti i conti, ma, complice la stanchezza – sia mentale che fisica -, finisce per cedere alla distanza. Alla fine dei giochi, onore ai vincitori che, con la prova di stasera, hanno legittimato una leadership di livello assoluto, e onore ai vinti che, lungo tutta una stagione, hanno espresso una qualità sempre crescente, arrivando, in più di un’occasione, a mettere in crisi la corazzata ligure (e, comunque, sconfiggendola una volta).

 

«Il Recco ha dimostrato di essere più forte – commenta il presidente dell’An, -, non posso far altro che rivolgere i miei complimenti alla società biancoceleste. E altrettanti complimenti li rivolgo ai miei giocatori, per lo spirito agonistico e le qualità dimostrati tutto l’anno, e, in particolare, in queste tre sfide per il tricolore».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome