Bigio, il no di Pasotti: rimetterlo in piazza Vittoria sarebbe un atto “fascistissimo”

13

Con un lungo intervento pubblicato su IlBigio.it, intitolato “Il Lelo della Serenissima”, l’ex presidente di Api Flavio Pasotti interviene sulla questione del ritorno del Colosso di Arturo Dazzi in piazza Vittoria per manifestare la sua contrarità. “IlBigio.it non ha paura delle idee e in questo spazio intende tenere alta l’attenzione sulla questione del ritorno dl Bigio in piazza Vittoria, dando voce anche alle opinioni contrarie alla nostra (purché autorevoli e intelligenti)”, spiegano i promotori del sito, chiarendo perché hanno deciso di dar voce a Pasotti. L’imprenditore, invece, sottlinea che “fu un atto politico con significato storico togliere la Fascistissima Statua (…) e rimetterla non ha nulla a che fare con architettura e urbanistica ma semmai con una visione diversa della storia”.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DELL’INTERVENTO

Il Lelo della Serenissima – di Flavio Pasotti

Voglio ringraziare i curatori del sito per la rara cortesia nel voler ospitare un intervento non coerente ai loro obiettivi, perché rispetto alla triste idea di un “fare sistema” univoco che maschera la scarsità delle idee è molto meglio alimentare una discussione, anche feroce, che arricchisca e renda tutti dissenzienti ma consapevoli. Davanti alla Loggia svettava nello stesso stile veneziano del palazzo e di tre lati una bella ed elegante colonna che reggeva il Leone di San Marco, sotto la quale si svolgevano le esecuzioni capitali e le giostre comunali. Con deliberazione del Direttorio della Repubblica Bresciana, nel 1797 fu dato incarico al generale Giuseppe Lechi di rimuoverla, insieme agli altri simboli del dominio della Serenissima. Dopo la Restaurazione si aprì in città un lungo dibattito su cosa fare nello spazio lasciato vuoto dalla Colonna nella principale piazza cittadina, questione risolta ben sessantasette anni e non poche polemiche dopo dalla donazione di Vittorio Emanuele per il monumento alla Bella Italia (non bellissimo in realtà) del tutto privo di qualsiasi legame architettonico con la piazza stessa ma di preciso significato politico.

Non esiste una autonomia dell’artista, sia essa del pittore, men che meno dell’architetto e ancor meno dell’urbanista giacchė la loro opera è frutto contrattuale di libera interpretazione (quando va bene) del volere del committente: ciò che storicamente giustifica l’opera è la volontà di chi la commissiona di rendere pubblico qualcosa, da un tema sacro ad una rappresentazione politica. Piazza Vittoria non sfugge alla regola e rimane un’affermazione del potere che si sposta nella città, dal Broletto alla Loggia allo sventramento fascista, cercando di tradurre nello spazio urbanistico il nuovo baricentro politico cittadino. La vicenda di Era Fascista, così battezzata alla presenza di Mussolini, è la stessa della Colonna anche nella storia dei protagonisti, essendo stato un suo durissimo detrattore un Lechi, questa volta podestà e non generale (ma in questa città qualcuno sta con continuità con chi comanda), e rappresentando essa un dominio dal quale ci si volle emancipare: la statua di Dazzi (pure questa non bellissima come testimoniano i nomignoli affibbiati) mai amata dai cattolici, venne danneggiata a conflitto concluso da due esplosioni e rimossa senza rimpianti con delibera comunale del sindaco Ghislandi. Fu un atto politico con significato storico ( perché la politica è una cosa seria) togliere la Fascistissima Statua come lo fu quello dei repubblicani giacobini per la Serenissima Colonna. Rimetterla non ha nulla a che fare con architettura e urbanistica ma semmai con una visione diversa della storia rispetto al 1945 e necessita un vero atto politico come una votazione in Consiglio Comunale per una delibera (non banalmente amministrativa) che cancelli quella del 1945 e che preveda la ricollocazione. Ripeto, deve essere un atto politico, non può essere filologico, perché non fu filologico ma politico il volerla, lo fu il toglierla come lo fu l’apertura del sindaco Corsini in una errata logica di riappacificazione e fu politico e inutilmente furbesco il silenzio in forza del quale la giunta di Adriano Paroli, lasciando la cosa in mano a un assessore, predispose tecnicamente, ma non eseguì prima delle elezioni, la ricollocazione.

Sapendo che non finirà qui, ora una postilla: anche Piacentini soffrì non poco per la statua. In primo luogo perché non è per nulla provato fosse nelle iniziali ispirazioni dell’architetto: il plastico della piazza custodito in Comune non la prevedeva e un plastico lo si realizza quando si hanno già gli esecutivi in testa. Quando fu imposta, Piacentini pensò nella sua autonomia ad una Vittoria Alata che avrebbe compreso tre significati diversi: la celebrazione della Vittoria del ’18, il riallacciarsi alla storia cittadina e una elegante riproposizione del mito “Romano” tanto caro al Ventennio Littorio. Evidentemente questo non bastò ai committenti che chiesero qualcosa di più “significativo” (come si diceva più sopra, la autonomia dell’artista è contrattata con il volere del committente, in questo caso più che in altri data la natura autoritaria dello stesso) e accettò di coinvolgere Dazzi con l’idea di echeggiare, in luogo della Vittoria, la Giovinezza Fascista con estetico vigore attraverso la nudità virile. Ora, posto che fenomeni di anastilosi storica o di filologia architettonica di questo significato non si sono verificati in alcun paese europeo e che se questa discussione trovasse spazio in Germania per un qualsiasi monumento dell’epoca si muoverebbe il mondo, quale è il pezzo di storia e quale è il significato politico che vogliamo ricordare? O quale vogliamo condannare? Tutto qui, il resto è esercizio accademico che il liberale Benedetto Croce, pensando all’impossibilità nell’estetica di distinguere forma e contenuto, definirebbe lapidariamente come un atto di frigidità intellettuale.

Comments

comments

13 COMMENTS

  1. Niente male questo intervento. Non so chi sia il Pasotti Flavio, e sembra fin troppo competente per essere un imprenditore; sull’autonomia dell’arte/artista ci sarebbe tanto da dire, ma in questo caso ha ragione da vendere. Nemmeno nel Congo rimettono in piazza le statue tolte dopo la dittatura di Mobutu!

  2. ragazzi ma che fatica deve fare uno così imprenditore, politico che non ci lascia in pace in nessuna elezione ed ora aggiunge una nuova ampia competenza, Critico d’Arte-Storico-Teori co dell’Arte!! Un omino così è sprecato a Brescia. Pasotti perché non vai a Roma o meglio Berlino o Londra. Lì quelli come te li cercano intensamente. Ciao e scrivici a natale!!!! Anche no….

  3. un bravo in pagella a quello che per due euro glielo ha scritto! Speriamo Pasotti lo abbia letto prima di spedirlo! Impegnato com’è

  4. La punzecchiatura sui Lechi, nobile famiglia locale, presente come il prezzzemolo nella storia bresciana e che "sta con continutà con chi comanda" suona assai caustica perchè chiaramente rimanda a quella parte di potere detenuto a Brescia dalla finanza cattolica a cui si dovrebbe far seguire poi nomi e cognomi dei detentori. Quantomeno storicamente attento (ma basta poco…) il Pasotti o il suo ghostwriter.

  5. La storia la scrivono i vincitori e gli antieffe che hanno vinto la guerra per interposta persona ci tengono a legittimare il potere che ne deriva.Solo che, invece di migliorare le condizioni del popolo e della Nazione Italica, per far dimenticare ruberie e fallimenti,hanno creato l’industria dell’abbbattimento di monumenti che promuovono totem:Come i talebani e l’isis.E’ l’antieffe che traccia il solco ma è l’ex API che lo difende.

  6. Bella ricerchina, potevi fare di più! Non basta copiare…. La prossima ricerca ce la farai sulla geografia, parla del Benaco (Lago di Garda per Pasotti)

  7. Per mettere d’accordo fascisti e comunisti propongo di posizionare Flavio sul piedistallo per un pomeriggio. Io porto i pomodori. Chi le uova?

LEAVE A REPLY