Calo dei reati, Rolfi: le istituzioni pensino alla vita reale non ai numeri

0

Statistiche e numeri lasciano il tempo che trovano secondo il consigliere regionale e vice capogruppo della Lega Nord in Regione Lombardia Fabio Rolfi che ha commentato i dati della Prefettura di Brescia dissusi ieri sull’andamento della criminalità in città. Secondo Rolfi si tratta “della solita e vecchia litania dei reati in calo e dell’insicurezza che è solo percepita e non reale. Fermo restando che è dovere delle istituzioni preposte alla sicurezza ed all’ordine pubblico comunicare tranquillità, occorre sapere che questi dati possono essere presentati ed articolati in vario modo e prestarsi a diverse interpretazioni.”

 

 “Il calo dei reati riguardanti ad esempio la prostituzione o lo spaccio di droga non significa che i fenomeni siano in calo. – continua Rolfi -.  Poiché  nessuno va a denunciare  lo spaccio o altri reati di iniziativa, ossia accertati con l’attività di indagine, questi dati  possono significare che l’attività di contrasto è diminuita perché si è preferito fare altro. Mentre allo stesso tempo l’elevato aumento delle rapine sta a dimostrare che un problema di delinquenza diffusa particolarmente agguerrita nei reati predatori esiste e questa è senz’altro figlia anche della diffusa consapevolezza dell’impunità tra le bande criminali.”

“Le statistiche lasciano il tempo che trovano – prosegue il consigliere lumbard –  soprattutto a fronte di tanti cittadini che non denunciano più piccoli furti o reati contro il patrimonio. Chi governa più che dei numeri deve occuparsi dalla vita reale di chi abita un territorio.  Le istituzioni, Governo e Comune, cioè chi governa, in primis devono smetterla di negare il problema, abbandonando la politica delle attenuanti e delle scarcerazioni facili e sostenendo le forze dell’ordine con risorse, mezzi e  leggi adeguate ed usando tutti gli strumenti a disposizione per riportare serenità e sicurezza. Al Sindaco ribadisco di utilizzare gli agenti di polizia locale dato che le capacità non mancano. Sto parlando dell’attività di polizia giudiziaria, a partire dal contrasto allo spaccio di droga e all’immigrazione clandestina. Attività che, come la presenza serale e notturna degli agenti nelle strade, sono fortemente calate da parte della polizia locale di Brescia. Perché?”

Comments

comments

1 COMMENT

  1. giusto ma loro governano diano i soldi alle forze dell’ordine per la benzina delle pattuglie per controllare il territorio della Regione Lombardia e non usino i fondi per continui proclami

  2. In altre parole vivete la vostra vita con sempre più paure. E se, disgraziatamente, non ne avete, cercate di inventarle. Vivrete sani e felici e la vita vi sorriderà.

LEAVE A REPLY