Occupato albergo dismesso in via Labirinto: 50 le persone che ci vivono

25
Bsnews whatsapp

Questo pomeriggio, venerdì 29 maggio, Diritti per tutti e Magazzino 47 hanno occupato un immobile inutilizzato da alcuni anni, l’Albergo Alabarda di Via Labirinto 6 (nelle vicinanze della moschea di Via Corsica). All’interno si sono così sistemate una cinquantina di persone senza casa e famiglie sfrattate, con una dozzina di bambini.

"La necessaria apertura di questo nuovo centro per l’emergenza abitativa dimostra infatti il fallimento delle politiche istituzionali per affrontare il dramma degli sfratti per morosità incolpevole, oltre 2300 nella provincia di Brescia. – scrive in una nota Diritti per Tutti.

Gli occupanti, per mezzo dell’Associazione, chiedono che le autorità competenti aprano una trattativa con la proprietà dell’albergo (una società privata) e che arrivino ad una convenzione che permetta alle famiglie di restarvi. "In caso di sgombero – fa sapere l’Associazione – gli occupanti, con famiglie e bambini si rivolgeranno alla Prefettura che, in quanto massima autorità istituzionale presente, potrebbe anche ricorrere alla requisizione temporanea di immobili inutilizzati, pubblici e privati, per la grave emergenza sfratti e senza casa". 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

25 COMMENTI

  1. E’una proprietà privata, pur essendo stato in passato un albergo oggi dismesso. Occupazione ? Trattativa ? Requisizione temporanea di immobili ? Pur comprendendo l’emergenza, riesce molto difficile capire tutto quanto stia a monte e a valle di inziative come quella messa in campo.

  2. Dove avrebbero dormito le 50 persone se non avessero occupato? Non é solo un loro problema, ma anche della collettività. Discutibile il modo di porre il problema, ma il problema di famiglie con bambini che dormono per strada riguarda tutta la città.

  3. Ecco un esempio di stupidità sociale” non é un problema delle singole persone e nemmeno di diritti per tutti. É un problema dell’intera collettività: avere persone che dormono sotto i ponti o in macchina per le strade della città comporta ulteriori e più gravi problemi da ogni punto di vista. Umano innanzitutto, ma anche sociale e di sicurezza. Che ne sarà per esempio dei bambini che vivono per strada?

  4. Genialità invece è indurli ad occupare le case altrui: l’importante è che non diano disturbo alle proprietàa chi li induce a fare ciò. Peraltro dopo le 18 questi sono impegnati con l’happy hour. La “solidarietà” di questi ultimi si ferma alla facciata. da veri agit-prop. Vero o no, fenomeno?

  5. Non ho detto che han fatto bene. Dico che il problema esiste e che é stupido risolvere con battute il dramma di centinaia di persone che dormono per stada, bambini compresi.

  6. oggi ci provo anch’io: c’è una BMW serie 5 ferma da qualche tempo vicino a casa mia, non è messa male, tutt’altro. quasi quasi la occupo, poi arriva BMW per tutti e mi aiuta? in fondo come faccio io con i miei due bimbi senza BMW? come? appropriarsi di una BMW non è occupare ma rubare? e perché dovrebbe essere diverso per un’auto e per un immobile? furto, è solo un furto…

  7. E se stupido fossi tu? Ci sono migliaia di Galliani che dormono in macchina o in tenda, anziani, invalidi, bambini compresi. Quelli non contano? Quelli non sono un affare.

  8. Tutti anime belle e generose… si con le cose degli altri però…. Andate a vedere quanti di questi signori Tutti Dritti hanno in casa loro persone con problematiche… NESSUNO. Perché? Perché non sono scemi, fanno i generosi con le proprietà altrui. Andate a casa loro e installatevi con 4/5 amici, vedrete i generosi…. Il problema della residenza per famiglie bisognose c’è, solo che si ulteriormente aggravato dall’arrivo degli extracomunitari. Leggete le graduatorie ALER e vede dove sono i primi italiani…. SVEGLIAAAAA

  9. Vi conviene cambiare argomentazione perché questa è stantia e poi ne siete proprio sicuri? Attenzione perché un giorno potrete restare scornati…

  10. Sì, ma dove dormivano fino al giorno prima le cinquanta persone ? I casi sono da esaminare e gestire uno per uno, non tutti insieme. Generalizzare è assurdo e pericoloso: la collettività non si fa carico di un problema di massa, mna di singoli problemi. Altrimenti, basta aggregarsi in “una massa ” e tutto si semplifica. No, grazie.

  11. Sarebbe davvero ora di piantarla con la stantia solfa del “portateli a casa vostra” e cretinate simili, anche perché quando qualcuno fa proprio così la canaglia xenofoba invece di tacere si agita anche di più. Vedi quanto accaduto di recente a Padova dove una significato ha messo a disposizione un suo appartamento e si è ritrovata la marmaglia a fare manifestazioni di protesta contro il suo gesto.

  12. siccome io faccio parte della marmaglia xenofoba ti chiedo che cosa hai fatto tu per i TUOI fratelli bisognosi, il tuo appartamento l’hai messo a disposizione o no? scommetto di no, ciciarù! tu sei il classico roger che fa il fr@ci@ col cul@ degli altri, paiàso!

  13. stupidot, nessun privato cittadino ha il potere di mandarli a casa, nessun cittadino onesto, almeno. capisco che tu e i tuoi amichetti sguazzate nell’illegalità, nella violenza e nella coercizione e pensate di risolvere tutto così (anche il furto di un immobile e la sua occupazione abusiva sono una coercizione), ma devi sforzarti di capire che non siamo tutti come voi… nel mio piccolo qualcosa faccio e farò sempre per contrastare questo schifo, voto chi vuole cacciare senza se e senza ma chi non ha diritto di permanenza e non lo può pretendere, non li favorisco in nessun modo e non mi commuovo quando li vedo sbarcare, e non abbandono il sogno che prima o poi ci sarà uno governo eletto e sovrano in questo scalcagnato Paese dove la Legge sarà rispettata. così tu e i tuoi compagni di merende rimasti a piede libero potrete concentrarvi davvero su qualcosa di utile, ma che ovviamente non è di moda presso i tuoi ambienti “antagonisti”, tipo occuparvi dei NOSTRI anziani che non riescono ad arrivare a fine mese o alle tante famiglie ITALIANE che non hanno la casa popolare, che l’aspettano ma che si vedono metodicamente sorpassati dal primo “migrante” che arriva. paiàso!

  14. ragazzi, io dico solo una cosa non riusciamo noi ad arrivare a fine mese, lo stato ,la regione ,larovincia, il comune quando noi chiediamo un sussidio oppure segnaliamo un problema per la sistemazione delle strade ecc. Dove abito io , la mia strada esce su strada statale pericolosa il lampione che illumina l’ incrocio e’ rimasto senza illuminazione per una decina d’anni , sistemato e a distanza di tre mesi nuovamente senza illuminazione , non lo mettono in sicurezza perché non ci sono i fondi , c’ è stato un’ incidente grave ,uno mortale e oso pensare che tra un po’ arriverà altro. Io mi chiedo per metterci in sicurezza noi italiani e molto altro no ma per loro si……..sveglia io mi rifiuto di aiutarli ,ho provato a dare aiuto per liberarmene ho dovuto ricorrere all’anticrimine e alla digos solo così ho potuto togliermi uno di loro e poi dite di aiutarli,hanno ragione coloro a dire ma lori dei diritti per tutti però non gli aiutano e per forza devono stare da noi ITALiANI a gratis…..

RISPONDI