Spacciatore di coca albanese in manette. I clienti lo chiamano durante la perquisizione

10

Quando i carabinieri lo hanno fermato, il 28enne albanese aveva addosso "solo” 15 grammi di cocaina, ma è bastato perquisire la sua abitazione per trovare nascosti nel cesto della roba sporca 2mila euro in contanti e diverse sostanze da taglio. Peccato che mentre i carabinieri effettuavano la perquisizione il telefono cellulare dello spacciatore non abbia mai messo di squillare. A cercare di chiamarlo i suoi tanti clienti, innervositi dalle mancate risposte.

Secondo i carabinieri l’albanese, già con diversi precedenti di polizia alle spalle, svolgeva la sua attività illecita con molta discrezione, stando attento a muoversi il meno possibile e ha parlare solo per pochi secondi al telefono. Telefono che però il giorno della perquisizione non ha mai smesso di suonare. L’uomo è stato arrestato e condannato a dieci mesi di reclusione, con pena sospesa.

Comments

comments

10 Commenti

  1. Diversi precedenti alle spalle e poi pena sospesa, ahhh pero', ai lavori forzati come nei telefilm in texas a frustate e bastonate nelle caviglie, altro che pena sospesa e se vuole mangiare in carcere se lo deve guadagnare sudandolo a spaccare pietre…

  2. perfetto! domiciliari preventivi di vari mesi ai sindaci che (seppur con metodi discutibili) provano a sfidare i padroni delle discariche e “pena sospesa” agli spacciatori incalliti….un plauso alla magistratura italiana!

  3. Tranquillo e discreto, l’albanesino bello. Nel suo Paese la pena prvista per la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è compresa tra 5 e 20 anni. Con processo per direttissima, certezza della pena, in carceri albanesi e senza sconti e benefici vari. Il problema è il Codice Penale italiano, non la magistratura che lo applica: questo lo sa benissimo anche l’albanese di turno.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome