Assemblea di Aib, Bonometti: non perdiamo l’occasione della ripresa

0

(a.t.) “Sergio Marchionne in questi anni ha messo in campo tanto, tanto coraggio. Lo stesso coraggio che hanno dimostrato le imprese bresciane che hanno realizzato l’Albero della vita: simbolo dell’orgoglio di Expo, dell’Italia e di Brescia”. Così il presidente degli industriali bresciani ha aperto di fatto l’assemblea annuale di Aib, che si è tenuta stamattina negli spazi della Fiera. Grande assente all’appuntamento il presidente di Fiat, che ha dato forfait per colpa della sciatica. Ma Marchionne è stato comunque presente. Nell’intervento di Bonometti, appunto. Come nella prima presentazione bresciana della nuova Alfa Giulia, a cui sia Bonometti sia il presidente nazionale di Confindustria Giorgio Squinzi hanno dedicato parole importanti (“ecco cosa riescono a fare gli italiani”, ha detto il primo, “è talmente bella che tornerò ad essere alfista”, ha aggiunto il secondo).

Nel suo discorso, come sempre, Bonometti ha toccato i principali temi che riguardano la Leonessa e l’Italia. “Apprezzo gli sforzi di Renzi per costruire sistema politico più moderno”, ha detto, “ma i tempi si stanno dilatando troppo: le riforme segnano il passo. Ci sono fatti positivi come il Jobs act, ma non bastano. La modernizzazione deve procedere e il passo deve essere veloce. Dall’economia arrivano segnali incoraggianti”, ha aggiunto, “ma il nostro miglioramento è troppo lento e rischiamo di perdere l’occasione”. I temi chiave sono quelli di sempre: fisco, burocrazia, certezza del diritto ed Europa (che deve essere “politica ed economica”). Come non nuova è la “bacchettata” a quella parte del sindacato che Bonometti accusa di essere un freno per la ripresa: “Vedo una situazione di tranquillità solo apparente, dettata dalla crisi”, ha sottolineato, “ma il fuoco cova sotto la cenere. Alcune organizzazioni continuano a lavorare per il presente e non per il futuro”.

Ancora, Bonometti è tornato sulle questioni bresciane ribadendo la necessità di stare “uniti per cambiare e fare in modo che la Leonessa continui a recitare un ruolo da protagonista”. Il presiente di Aib ha citato la nuova Camera di commercio, con “l’azzeramento dei compensi e la riorganizzazione delle partecipate”, per poi concentrare l’attenzione sull’aeroporto: “Su questa strada resta ancora molta strada da fare e sappiamo che Bergamo è una realtà importante, anche nelle dinamiche nazionali. Non vogliamo abbandonarci a facili entusiasmi, ma sia chiaro: per noi Montichiari è una sfida, non un capriccio”.

Infine l’appello all’intero Paese perché faccia uno scatto e torni ad essere “sicuro e accogliente”, un “tesoro” per chi arriva. “Chi non è capace a fare questo se ne vada a casa”, ha tuonato Bonometti all’indirizzo della classe dirigente italiana. Prima di chiudere con tre incitazioni non certo casuali per chi lo conosce: “Viva l’industria, viva la Repubblica, viva l’Italia”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome