Emergenza sfratti, il Comitato si appella ai cittadini per il diritto alla casa

0

Presa di posizione del Comitato antisfratti/diritto alla casa dopo la drammatica vicenda del suicidio di una coppia a Nuvolento che si è tolta la vita, lui è morto lei è in fin di vita, dopo aver ricevuto lo sfratto.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA:

Quasi ogni giorno lottiamo per arginare il dramma degli sfratti e questa mattina mentre andavamo a bloccare i quattro sfratti che avevamo in calendario, ci ha preso come un pugno nello stomaco, ci ha gelato di sconforto … sapere dai giornali  che una coppia di 51 e 59 anni si sono suicidati insieme: lui è morto, lei è in fin di vita.

Abitavano a Nuvolento, lui disoccupato da un paio di anni. La busta dello sfratto esecutivo in cucina, sui comodini i biglietti d’addio scritti ai parenti.  La suocera, accudita dalla donna, con la sua pensione aveva tamponato i problemi economici della coppia ma ora, dopo la sua morte, il dramma dell’indigenza come uno spettro si aggirava in casa.

La vergogna per i debiti insopportabile – le prime richieste d’aiuto alla Caritas – la disperazione di non trovare vie d’uscita, l’umiliazione per essere entrati a far parte della categoria dei "miserabili". Questa la situazione vista con gli occhi delle vittime.

Eppure per molti che guardano dall’alto l’immensità della lotta anticapitalista, è cosa infima il blocco di uno sfratto, eppure è un soffio di speranza e di energia nella condizione materiale dello sfrattato. E’ la presa di coscienza sua e di ogni altro solidale resistente che non si può dare alcuna fiducia ai meccanismi ordinatori di questo sistema. E’ la certezza che l’unica via da seguire è quella del conflitto; oggi per il diritto alla casa; domani, per ogni altro diritto messo in discussione e inscindibilmente legato alla condizione umana. "Non sempre una norma di legge è legittima"

Forse il blocco dello sfratto poteva salvare loro la vita, forse attraverso la lotta si riacquista la solidarietà, il senso di appartenenza, la condivisione con gli altri sventurati che sono caduti nel vortice della povertà, prendendo coscienza che non c’è nulla che non va in una vittima, individuando nel sistema con i suoi vampiri il vero colpevole.

Noi non vogliamo che gli sfratti si trasformino in statistica, noi del Comitato antisfratti/dirittoallacasa pensiamo che debbano nascere sempre più comitati e che ogni sfratto sia lo sfratto della dignità di una famiglia con la sua storia le sue delusioni e le sue speranze.

Pertanto ci rivolgiamo a tutte le compagnie e compagni, la situazione si sta sempre più aggravando, il vuoto istituzionale è sempre più evidente, la crisi mette in luce l’importanza di ammortizzatori sociali che invece sono in via di totale smantellamento, si parla di povertà e non si vede la miseria dietro l’angolo, siamo ormai solo nuda vita, e questo è il dramma di una società che perde le sue fondamenta e vive sfaldandosi sotto i nostri occhi.

Dobbiamo attivarci e partecipare in massa al blocco degli sfratti per morosità incolpevole; questo dovrebbe essere non un semplice impegno, ma una scelta di vita di tutti noi, perché solo attraverso i bisogni e la necessità che parte dal basso si costruisce la lotta di classe, quella che incide più di tutte sul terreno delle contraddizioni del capitale.

Comments

comments

LEAVE A REPLY