Fiere a Brescia? Potrebbero presto tornare

0

Chiusa del tutto la partita-Nibiru, si riapre quella delle fiere. Se l’esperienza espositiva presso il padiglione di via Caprera sembrava appartenere ormai al passato, ieri tutto è tornato indietro nel tempo, e la prospettiva ha preso un’altra piega.

A causa delle pesanti perdite nell’esercizio della società partecipata (al 4,2%), il Comune di Brescia ha votato il dimezzamento del capitale sociale, che passa da otto milioni e mezzo a 4 e rotti, e contemporaneamente la modifica dello statuto e dell’oggetto sociale, che prima prevedeva la gestione di immobili e attrezzature da destinare all’organizzazione di eventi fieristici ed ora anche la compravendita, la ristrutturazione, la locazione e il trasferimento. La modifica si è resa necessaria per rendere attuabile una ipotetica vendita dell’immobile, anche se in attesa della vendita potrebbe ripartire l’attività fieristica vera e propria, affiancata da quella congressuale e convegnistica. Alla base della decisione ci sta ovviamente il rilancio dell’intera area, che potrebbe avvenire quando sarà pronto il palazzetto dello sport Eib, utilizzabile anche per concerti e grandi eventi al coperto.

L’unico voto contrario in Commissione è stato quello di Paroli, XBrescia, Lega e Movimento 5 Stelle si sono astenuti. L’ex sindaco ha critica aspramente l’immobilità del Comune nella partita, e l’occasione persa di rilanciare l’area.
(red.)

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome