Aumento tariffe mezzi pubblici, Legambiente: i bresciani tornano all’automobile

0

Da mesi, puntualmente, lo ripete: il biglietto unico ha svuotato il portafoglio dei bresciani. La denuncia è sempre di Legambiente, che snocciola i numeri:  differenze del 40% sul costo dell’abbonamento mensile dell’autobus, linea Brescia Castegnato, aumento del 33% sulla Brescia Manerbio, del 30% sulla Brescia Ghedi e del 18% sulla Brescia Iseo. L’Associazione lo definisce una vessazione e aggiunge, in una nota, che oltre alle tariffe aumentate, si sarebbero ridotte le corse. "Questo sistema tariffario è iniquo e fallimentare.  La Provincia e il Comune di Brescia devono sospendere questa ingiusta integrazione tariffaria che ha ridotto la competitività del trasporto pubblico ed ha provocato un crollo dell’utenza del 6/7%, circa un milione di utenti su base annua a favore dell’automobile". E proprio questa l’ultima accusa di Legambiente: con tale politica, secondo l’Associazione, si è favorito il ritorno alle quattro ruote.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome