Variante al Pgt della Loggia, la Soprintendenza punta il dito su antenne e affissioni

0

L’11 luglio è scaduto il termine per la presentazione delle osservazioni alla nuova variante al Pgt proposta dall’amministrazione Del Bono. La Soprintendenza di Brescia non si è lasciata sfuggire l’occasione per porre l’attenzione, tra le altre cose, su due fattori storicamente critici.

Per quanto riguarda le antenne, sia quelle sui tetti degli edifici sia, soprattutto, quelle sulla Maddalena e sulla Vedetta, l’ente di via Callegari è stato più che esplicito: la Loggia deve finalmente affrontare il tema della mancanza di autorizzazione alla presenza dei tralicci telefonici e radiotelevisivi. A rendere ancora più pressante l’invito è il fatto che da tempo la Soprintendenza avrebbe chiesto al Comune la costituzione di un tavolo tecnico per affrontare la questione.

Discorso analogo per quanto riguarda le affissioni in città: la Soprintendenza vuole che la Loggia segnali esplicitamente quali sono gli edifici vincolati, e impedisca in prossimità di questi l’installazione di pannelli pubblicitari. Due i casi emblematici delle violazioni tutt’ora tollerate, riportate stamane sulle colonne di Bresciaoggi dove si racconta la vicenda, quello del lato est dell’ex Ospedale dei bambini e gli stendardi sulla facciata dell’ex Monte di Pietà in piazza della Loggia, due luoghi ove la concessione pubblicitaria doveva essere solo temporanea ma di fatto è diventata permanente.
(red.)

Comments

comments

LEAVE A REPLY