Provincia di Brescia e Seav: come essere competitivi sui fondi europei

0
Bsnews whatsapp

La Provincia di Brescia  ha raccolto la sfida di diventare la “Casa dei Comuni”. Una sfida che vuol intercettare i cambiamenti, le opportunità, le occasioni di crescita del territorio attraverso il reperimento di nuove fonti di finanziamento  a livello europeo, nazionale e regionale.

Per questo motivo ha istituito il Seav, Servizio Europa Area Vasta,  un modello di assistenza tecnica, che ha l’obiettivo di affiancare le amministrazioni locali durante l’intero percorso progettuale, dall’ideazione fino alla presentazione della richiesta di finanziamento.

E oggi, a Milano, è stato organizzato da Unione Province Lombarde e da Associazione Nazionale Comuni Italiani Lombardia un incontro per riflettere con i presidenti delle Province lombarde sulle opportunità che Seav può dare.

Il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, è intervenuto all’incontro per spiegare ai presenti come l’Ente che rappresenta è attivo da mesi rispetto a questo tema, con la volontà di realizzare gli obiettivi proposti dal modello Seav sul territorio bresciano.

«Brescia è la più grande Provincia d’Italia per dimensioni e tipologia di territorio – ha dichiarato il presidente Pier Luigi Mottinelli – è composta da Comuni che devono offrire servizi ai cittadini, misurandosi però quotidianamente con le difficoltà di bilancio. La Provincia si sta impegnando nel supportare le Amministrazioni Locali nella costruzione di servizi e per la realizzazione di progetti in forma aggregata proprio nell’ottica del contenimento della spesa. La legge Delrio cambia di fatto il ruolo delle Province, il cui futuro è ora quello di rappresentare i Comuni, offrendo loro servizi e supportandoli; la nuova Provincia diventa dunque un punto di riferimento, per le Amministrazioni Locali, che può creare concrete e utili sinergie, per il bene dei cittadini e del territorio».

Per il presidente Mottinelli la chiave per favorire il contenimento della spesa, promuovendo i servizi per la collettività e lo sviluppo dei territori, è l’aggregazione e la sinergia tra gli attori coinvolti.

«Con Seav – ha continuato il presidente Mottinelli – si intende creare, mettendo a disposizione risorse umane della Provincia, reti di partenariato a livello locale, regionale, nazionale ed europeo, anche con l’intento di razionalizzare le risorse economiche e gestionali proprie e dei soggetti partner. In un momento di difficoltà per gli enti locali, alle prese con le riforme e il patto di stabilità, creare sinergie che portino a progetti comuni di grande valore è certamente la strada giusta per poter accedere a fondi europei».

Seav, in sintesi, vuole essere un punto di riferimento per informare, formare, dare assistenza, per quanto riguarda la progettazione europea,  ai Comuni ed altri enti pubblici, associazioni, enti non profit e terzo settore.

«Ė uno strumento operativo – ha concluso il presidente Mottinelli – che mette in relazione le opportunità comunitarie con le concrete esigenze di un territorio e delle istituzioni che lo rappresentano».

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI