Centrale biogas a Lonato: il Tar di Brescia riapre la partita

2
Bsnews whatsapp

L’Autorizzazione integrata ambientale deve essere rifatta. Questo, in sostanza, quanto stabilito dal Tribunale amministrativo regionale di Brescia in merito all’annosa vicenda legata alla domanda di realizzazione della centrale a Biogas in località Campagnoli a Lonato del Garda. Il Tar ha parzialmente accolto il ricorso dei Comuni di Lonato, Desenzano e Castiglione, seppur stabilisca altresì che il progetto non presenta criticità insormontabili, ma necessita solamente di ulteriori approfondimenti prima di ricevere il via libera.

Spetta ora alla Provincia, che ha 120 giorni a disposizione per esprimersi, stabilire se gli inquinanti diversi dagli ossidi di azoto messi in atmosfera dall’eventuale centrale possano essere dannosi per la salute. Respinti tutti gli altri fattori, le emissioni (a parte l’azoto), il biogas, i rilievi urbanistici. Se da una parte il comitato ambientalista Campagnoli si dice soddisfatto per l’esito del ricorso, altrettanto lo è l’azienda proponente, la Valli Spa, per la quale non è mai morta la speranza di realizzare l’impianto.
(red.)

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. ma i contributi europei per queste opere qualcuno sa che fine fanno o hanno fatto in generale chiedo in relazione allo stato avanzamento dell’iter o qualcosa altro?

  2. Se l’azienda è soddisfatta dell’ordinanza della sospensione cautelare da parte del TAR, speriamo che il TAR sospenda definitivamente il progetto. Così saranno tutti contenti: azienda e cittadini … oltre che le varie amministrazioni comunali e le associazioni del posto (tra cui Coldiretti e Legambiente).

RISPONDI