Controlli antiprostituzione, nel week end beccati tre clienti: multa da 500 euro

0

Prosegue l’attività della Polizia Locale per contrastare il fenomeno della prostituzione. Nella notte di sabato 1 agosto una pattuglia è intervenuta in via Vallecamonica e in via Milano e ha identificato dieci ragazze. Le giovani, sei rumene e quattro albanesi, sono state portate al Comando e sono state rilasciate dagli agenti dopo aver accertato che erano in possesso di documenti validi.

In seguito, in via Milano è stato fermato un transessuale ed è stato portato in via Donegani per aver dichiarato false generalità. Gli uomini della Polizia Locale lo hanno quindi trattenuto per approfondimenti e ora rischia l’espulsione coatta dal territorio nazionale.

Infine, sono stati multati tre uomini sorpresi a contrattare prestazioni sessuali con le prostitute e a farle salire a bordo delle loro auto. Per i tre automobilisti è scattata quindi la sanzione di 500 euro prevista dal regolamento di polizia urbana.

Nel corso dell’intervento, svolto dalle pattuglie territoriali insieme con il nucleo di polizia giudiziaria, sono stati controllati più di 60 autoveicoli mentre ammontano a 300 i presidi antiprostituzione portati a termine dalla Polizia Locale dall’inizio dell’anno.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Una volta essere cliente era considerato sfruttamento della prostituzione, ma ora non più. Alcuni comuni applicano delle sanzioni amministrative a clienti e prostitute, ma la valenza legale di queste sanzioni è tutta da dimostrare…chi vine beccato solitamente non fa ricorso per non sputtanarsi, ma credo che vincerebbe.

  2. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

  3. Tutte straniere. Ai bresciani che di giorno odiano gli stranieri, di notte cercano le straniere. Ipocrisia in salsa padana.

LEAVE A REPLY