No agibilità, no clandestini: Verolanuova vieta l’ex Tiepolo con uno striscione

0
Bsnews whatsapp

“No agibilità, no clandestini”. E’ questo lo striscione comparso sull’ex hotel Tiepolo di Verolanuova e affisso dall’amministrazione comunale per evitare che la struttura, ormai dismessa da quindici anni, venga individuata tra quelle dove ospitare i richiedenti asilo.

Il sindaco della Lega Nord, Stefano Dotti, però non ci sta e al Bresciaoggi spiega: “Temiamo che come accaduto altrove la nostra amministrazione si trovi suo malgrado ad accogliere dei profughi. Quello striscione invece vuole essere un messaggio chiaro: Verolanuova non è un paese per profughi”. L’ex assessore provinciale all’Ambiente lancia il messaggio “alla prefettura, ma anche ai proprietari di immobili sfitti che fiutano la possibilità di fare business, e sopratutto ai cittadini: se arriveranno dei richiedenti asilo, non sarà per volere o per colpa del Comune”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. CARCERE PER CHI OSPITA MIGRANTI ILLEGALI. Intanto si rafforza la linea dura del governo britannico anche contro i migranti illegali che sono già riusciti ad entrare sul suolo del Regno. Il governo di David Cameron ha annunciato nuove misure che colpiranno anche i proprietari delle case nelle quali vivono persone prive di regolare permesso di soggiorno. Per loro si profila la possibilità di avviare una procedura di sfratto anche senza una relativa sentenza dei giudici. E quelli che non lo faranno, rischieranno sino a cinque anni di carcere.

    Il provvedimento è stato annunciato dal segretario alle Comunità e governo locale, Greg Clark, il quale ha spiegato che le nuove misure saranno incluse nella prossima legge sull’immigrazione, con lo scopo di rendere più difficile per i migranti vivere nel Regno Unito dopo che i loro permessi siano scaduti o le loro richieste di asilo siano state respinte.

  2. Allora c’è posto nell’ormai ex Verola Center, è tutto fallito quel posto lì, sono scappati tutti, di persone ce ne stanno veramente tante. Fresco d’estate caldo d’inverno.

RISPONDI