Profughi, Rolfi col sindaco di Verolanuova: la Regione escluderà dai bandi albergatori che lucrano sui clandestini

0

"Bene ha fatto l’amministrazione di comunale ad affiggere quello striscione sull’ex hotel Tiepolo. Già pensare di imporre dei clandestini senza l’assenso di chi è stato eletto è assurdo, se poi si intendono utilizzare stabili dismessi da anni, privi dei più basilari requisiti di agibilità allora la cosa diventa anche pericolosa." Fabio Rolfi appoggia appieno l’iniziativa dell’amministrazione di Verolanuova,  guidata dal sindaco leghista Stefano Dotti, che ha appeso uno striscione sull’ex hotel Tiepolo di per evitare che la struttura, ormai dismessa da quindici anni, venga individuata tra quelle dove ospitare i richiedenti asilo.

Il vice capogruppo del Carroccio al Pirellone plaude alla Giunta: "si tratta di una presa di distanza lodevole – prosegue Rolfi – che dimostra senso civico e rispetto del mandato conferito dai propri cittadini. Ormai sono molti i sindaci del bresciano che, come Dotti, si stanno opponendo con varie iniziative alla prepotenza e alle pretese di uno Stato che vorrebbe scaricare su comuni e sulle rispettive cittadinanze il peso della propria incapacità. Come Lega Nord invitiamo tutti i sindaci a seguire l’esempio di quei primi cittadini che non ci stanno a subire in silenzio le angherie del Governo e condanniamo apertamente coloro che per quattro soldi stanno svendendo il territorio. A questo proposito, nella riforma del turismo che approveremo a settembre, metteremo il divieto di accesso ai bandi regionali – conclude Fabio Rolfi – per tutti quegli albergatori che hanno lucrato o vorranno lucrare sui clandestini."   

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Mi sembra una boutade come quello del bonus bebè solo per gli italiani, che costerà ai cittadini i soldi per una causa persa in partenza. Rolfi lei da politicante professionista come può pensare che la regione emetta un bando discriminante nei confronti di chi rispettando la legge e le ordinanze dello stato ha accolto sul proprio territorio dei richiedenti asilo politico, senza essere oggetto di denuncia? Rolfi, come diceva il buon Totò, ma mi faccia il piacere

LEAVE A REPLY