Brebemi, il Cipe dà l’ok: 320 milioni di soldi pubblici in arrivo

6

Il Cipe, Comitato interministeriale per la programmazione economica, ha previsto un contributo pubblico complessivo di 320 milioni di euro per la Brebemi dei quali 260 in rate da 20 milioni annui dallo Stato e 60 in tre rate da 20 milioni annui dalla Regione Lombardia. Inoltre ha prorogato la concessione di sei anni, il valore del subentro a fine concessione che vale 1.205 milioni e infine l’interconnessione con l’A4 con funzionamento a partire dal 31 gennaio 2017. E proprio per la creazione della bretella la società Brebemi deve mettere in atto nuovi espropri, nei quali sono coinvolti privati e pubblici tra Ospitaletto, Castegnato, Roncadelle e Travagliato, che costeranno altri cinque milioni.

 

Comments

comments

6 COMMENTS

  1. 320 milioni per un nasto di asfalto che era stato presentato come a costo zero,la favoletta a cui la gente abbocca sempre. del resto chi l’ha pensata sapeva bene fin da prima che tanto una volta fatta nessuno avrebbe avuto il coraggio di ammetterne l’inutilita e lasciarla abandonata a se setessa e quindi in un modo o nell’ altro gliela avrebbero pagata,geniale! ma i primi espropri poi sono stai almeon pagati o stanno ancora aspettando?

  2. PPPPRRRRRRRRRRR!!!!! Bordonali, Rolfi, Beccalossi dove siete? Qui stanno sottraendo risorse agli Italiani poveri per sprecarle. Non vi inalberate?

  3. banchetta alecchino e paga pantalone …. dove starebbe il famoso e millantato rischio imprenditoriale se il bugo lo ripaga il cittadino tar-tassato ??

  4. Ve lo ricordate il pres.della Cdc di brescia e le sue promesse, autostrada brebemi,nibiru,aerop orto,fiere.Ecco di tutte le promesse fatte ai bresciani non c'è ne una che è stata mantenuta.La brebemi riceve centinaia di milioni e altri 6 anni di concessione per poter far quadrare i bilanci in rosso,su Nibiru totale fallimento,sull'aero porto ridere per non piangere e sulle fiere in pochi anni buttati al vento decine di milioni di perdite e lui era Ad.Dio ce ne liberi ,anzi forse ci ha già liberati.

LEAVE A REPLY