Nuovo allarme polpette avvelenate: cane ucciso nel giardino di casa

25
Bsnews whatsapp

Polpette avvelenate: un nuovo allarme viene dalla Franciacorta. Un cane è rimasto ucciso a Bettole di Camignone, a Passirano. C’è panico tra i proprietari di animali visto che proprio nello stesso comune, alcuni mesi fa, erano stati trovati diversi gatti morti avvelenati. L’ultima vittima è stata avvelenata all’interno della sua abitazione. A quanto pare le polpette, i cui residui sono stati trovati nel giardino, sono state lanciate all’interno del cortile, con lo scopo preciso di uccidere. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

25 COMMENTI

  1. Una cacca pestata oggi, un sonno interrotto dall’abbaiare domani, qualche ora di ululati da temuto abbandono e qualcuno va fuori di capoccia… E poi viviamo circondati da intolleranti persino con gli umani, frustrati, menti deboli esasperate e aizzate a prendersela con i più indifesi, ovvio che ci sia chi sfoga il suo rancore verso il mondo anche così e, magari, gli piacerebbe fare lo stesso con chiunque lo disturba, ma non ne ha il coraggio.

  2. ipocrisia; normalmente quasi tutti, forse anche tu, ad esempio, uccidono le zanzare per difendere il proprio diritto personale di non doversi grattare 5 minuti, mangiano animali morti solo per gusto personale o usano oggetti fabbricati con la pelle degli animali. non so se ti conviene metterla sul piano dei diritti degli animali, sempre che ne abbiano. sei sicuro che abbia più diritto (non di vita) un cane di disturbare un condominio di quanto ne abbiano le persone di potere riposare in pace? è naturale che il problema non sono i cani, ma quei padroni che glielo consentono. comunque fammi sapere quanto andrai a protestare con i cacciatori o i pescatori, che vengo anch’io. o ti interessa solo il tuo?

  3. Caro sig. @topo trovo stupido dover ribattere a certe provocazioni smentendoti, anche perché potresti non crederci, ma per quanto mi riguarda evito pure di ammazzare le zanzare, nella maggior parte dei casi mi limito a scacciarle anche ripetutamente con la mano ma non nego che qualcuna abbia fatto una brutta fine. Sono vegetariano e sinceramente a memoria non ricordo di possedere indumenti o cose di pelle animale. Questa in ogni caso è una mia etica che so di non poter e dover imporre agli altri. Magari posso essere definito un animalista anche se in un caso limite ipotetico in cui mi trovassi di fronte alla scelta di dover decidere tra la vita di un uomo e quella di un animale credo proprio senza ombra di dubbio che non avrei esitazioni a scegliere di salvare l’ uomo col rischio magari di pentirmi per aver risparmiato il peggior delinquente a scapito di un animale senza colpe. A parte questo la mia domanda era quali fossero i diritti umani che hanno la priorità rispetto al diritto di vita di un cane non a quello di disturbare un condominio. La risposta l’ ho avuta dal gatto e sinceramente, non so a te, ma a me ha disgustato. Per come la vedo io il diritto di vita è un diritto inalienabile per tutti che siano uomini e animali. Oltretutto sono d’ accordo con te che spesso il problema siano i padroni e non i cani perciò credo che sia troppo comodo e da vigliacchi prendersela col cane e risolvere le cose in quel modo. In pratica sarebbe fare pagare all’ animale le responsabilità dell’ uomo. Riguardo all’ invito a venire con te alle proteste dei cacciatori e pescatori non ho ben compreso dove vorresti andare a parare. Cosa c’ entrano le proteste adesso? E poi perché dovrebbe interessarmi solo il mio? Ma soprattutto il mio cosa?

  4. caro amico, grazie della risposta. se tutti i padroni-di-cani fossero come te, sarebbe già tutto risolto. provocazioni a parte, il giainismo è pratica molto difficile ma si può fare, a patto di sapere davvero cosa sia la nonviolenza. al contrario, come sai, secondo un’ampia e indiscussa tradizione teologica occidentale, gli animali mancano di anima razionale, ma hanno solo un’anima vegetativa e sensitiva, che soprattutto cessa di esistere alla morte del corpo: animali, ma senz’anima. i filosofi hanno pensato degli animali le cose più diverse, cartesio, ad esempio, ne pensava malissimo. solo per dirti che nonostante creda sia molto difficile parlare di diritti inalienabili, se lo sono, sono universali, e quindi che lo siano per tutti gli animali, e soprattutto che forse l’unico modo per difendere la tesi sarebbe di ripensare la nozione dell’animale che ancora siamo, e non affermarla a partire dal primato dell’umano nel rapporto con i non-umani (ma a quel punto saremmo già scomunicati!).

  5. Prego non c’è di che. Grazie a te piuttosto per aver citato il giainismo, che non conoscevo, dandomi così l’ opportunità di informarmi su una religione di cui evidentemente seguo alcuni precetti inconsciamente e senza la volontà di aderirvi. Per quanto riguarda la concezione dell’ anima nella tradizione teologica “occidentale”, da non credente la rigetto serenamente così come il pensiero di Cartesio circa gli animali essendo per me evidente che gli animali (per molti lo è di più per altri meno) possano provare dolore fisico e altri sentimenti, o che comunque abbiano complessi stati di coscienza. In ogni caso non posso addentrarmi troppo in discussioni filosofiche-teologic he in quanto non ne ho le competenze quindi non saprei, piuttosto una cosa che so è che non temo la scomunica. Saluti

  6. personaggi fusi in questo forum … hanno buttato polpette avvelenate (che potevano coinvolgere non solo i cani) in una proprietà privata (garantita dalla Costituzione) … questo è un atto criminale seza se e senza ma …

  7. sono pienamente daccordo con estate,anche io abito in un paese dove trionfano gli ululati gli schiamazzi continui i cani nn hanno colpa ma se i padroni nn capiscono un c… ben vengano i provvedimenti drastit ,e che c…o

  8. Prima di dare dell’idiota a qualcuno faresti bene a leggere 10 volte, visto che hai evidenti difficoltà di comprendonio: ho forse scritto che avvelenare gli animali è giusto? NO!, Al contrario ho scritto che chi lo fa è fuori di testa, esasperato e intollerante. Ho scritto anche che chi fa del male alle bestie, spesso vorrebbe farlo anche agli umani e basta leggere la cronaca per vedere quante volte banali liti tra vicini di casa o automobilisti sfociano in omicidi se non addirittura in stragi. Magari all’origine di questi fatti c’è proprio l’ottusità di gente che senza nemmeno capire le situazioni parte con gli insulti, quindi prova a farti aiutare. Una serena giornata a te.

  9. i cani sono di responsabilità del padrone purtroppo nn sempre si si può sopprimere costui benvenga la giustizia vai da te sia da monito a ste rompi c…o

  10. forse troppi steroidi e action movie fanno male … allora se io ti vedessi a buttare nella mia proprietà privata bocconi avvelenati (che potrebbero finire a bambini) potrei denunciarti per numerosi reati che questo gesto incorpora come pure a tutela tua esistono reati di schiamazzi etc etc … oppure se ragioni da età della pietra potresti prenderti una badilata in testa dal padrone che difende la sua proprietà e la sua famiglia …

  11. poveraccio nemmeno il tuo nickname riesci a scrivere. Non temere, dal ragionamento che fai si capisce molto del poco che hai nella zucca…. Codardo Comunque dalla prossima volta firmati così terminator (la figura del bambù la farai per i tuoi ragionamenti ma non per un nickname stropicciato e sbagliato).

  12. Sto notando che la maggior parte di quelli che ce l’ hanno coi cani sono delle volpi. Genux dice di essere d’ accordo con Estate appoggiando provvedimenti drastici per arginare il problema dei cani che ” disturbano” senza accorgersi che Estate nel suo commento sarcastico al contrario ha palesato un atteggiamento critico nei confronti di tale pratica. Ha capito proprio tutto. Gli altri mostrano di avere parecchi limiti linguistici tra inutili trattini usati a caso (padroni-di-cani, diritti-dei-cani), nicknames storpiati ignorantemente con nonchalance (Terminetor) e vari altri ridicoli errori ( giustizia vai da te). Complimenti.

  13. Ma sì, è normale che se io prendo un cane ho diritto di far subire a tutti il vicinato il suo abbaiare libero ad ogni ora e a lungo! Non vorrete limitare la libertà naturale e il diritto naturale e inviolabile del mio cane di esprimersi liberamente, di essere cane e di discutere con i cani dei vicini! Se quando esco lo lascio sul balcone e lui abbaia, è normale: mi sta solo cercando! Quindi pazienza cari umani, il mio cane ha sempre ragione, perché l’ho deciso io. E se vi disturba o vorreste dormire, beh, sono problemi vostri, non miei. E quando scrivete i post fate attenzione, che vi correggo i trattini e le vocali sbagliate. (comunque tra l’apostrofo e la parola seguente non si mette lo spazio, e nemmeno prima delle virgolette e delle parentesi).

  14. @self tu si che capisci qualcosa nn come tutti gli ipocriti,io sinceramente quando l,altra notte alle 3 mi hanno fatto svegliare quei cagnacci da lepri sinceramente li avrei bruciati assieme al padrone

  15. un consiglio: se ti svegliassero ancora, prendi un buon libro e leggi … ricorda che “quello del formaggio” prima o poi tutti lo incontrano …

  16. Ok, grazie per le correzioni, ne farò tesoro, anche perchè visti i cinofili che ci sono in giro non mi conviene proprio scrivere da cani. Non vorrei mai mangiare una polpetta corretta.

RISPONDI