Agricoltori in protesta al casello di Brescia centro: prezzi latte e multe ci faranno chiudere

0
Bsnews whatsapp

Mattinata di traffico intenso e tensione al casello autostradale di Brescia Centro dove si è concentrata la protesta degli allevatori Copagri che, per più di mezz’ora, quando erano circa le 11 di giovedì 27 agosto, hanno iniziato a distribuire latte gratuitamente agli automobilisti intasando di fatto gli svincoli intorno al casello.

“Così – si sono sfogati sul Giornale di Brescia – le aziende finiranno per chiudere”. Il motivo della protesta è lo stesso di sempre: prezzo del latte e multe per l’eccesso di produzione. A mobilitarsi non solo trattori e agricoltori bresciani, le stesse scene di protesta si sono viste anche a Bergamo, Lodi, Mantova-Sud, Milano e Agrate.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Gli agricoltori sono l unica categoria di lavoratori che fa casino e ottiene…
    Gasolio agricolo, agevolazioni fiscali, multe non pagate, ecc ecc
    Se guardate, nei vari paesi, i villoni con piscina sono dei contadini/allevatori . Gente che ha sempre lavorato tantissimo e giustamente guadagnato, ma che rispetto ad altre categorie di lavoratori è capace a farsi sentire

  2. questi poi ….. ma gli agricoltori “normali” hanno fatto i mutui e stanno pagando parecchi soldi di interessi per aver comperato le quote latte. Questi o meglio alcuni di questi cd cobas condonati da ex sig ministro Zaia per non averle pagate oggi che dopo varie vicissitudini l’Europa ci ha condannati a pagare ed ha chiuso per questi cd agricoltori i rubinetti dei contributi…. ecco di nuovo le proteste!!!! Invece di pubblicizzare “latte onesto” cercate di essere voi agricoltori onesti ! Ogni riferimento e’ puramente casuale e frutto dell’immaginazione.

  3. L’agricoltura italiana è sufficiente a nutrire gli italiani appena per pochi giorni al mese. ( ad esempio se non importassimo frumento francese o canadese non mangeremmo più pane e non berremmo più latte senza importarlo dall’ Europa – leggere le tabelle – ) Gli altri giorni o importiamo o moriamo di fame. Tanto vale chiudere e importare tutto. Ci costerebbe di meno e senza più multe a carico di tutti cittadini italiani.

  4. Sai che l'Italia produce il 40% del latte di cui ha bisogno ???non x scelta , ma x imposizione del UE ….. quindi cosa stai dicendo? Sai che il latte ( non fresco ) che beviamo e x lo più tedesco o peggio ancora dell'ex urss??? Ucraina tanto x dirti un nome …. Sai cos'è successo in Ucraina??? Ti dice nulla Chernobyl??? E secondo te non dovremmo più produrre nulla e importare tutto?….. Forse è meglio star zitti

RISPONDI