A Collio arrivano venti profughi, residenti e turisti protestano fino a tarda notte

12

E’ servito l’intervento dei carabinieri per mantenere l’ordine all’arrivo di 19 profughi a Collio. Una protesta “spontanea e pacifica” per il sindaco del paese dell’Alta Valtrompia, Mirella Zanini, alla quale hanno partecipato circa 200 persone tra residenti e turisti.

I profughi sono arrivati nel pomeriggio per essere sistemati in una ex casa vacanze albergo Cantoni. Il primo cittadino racconta al Giornale di Brescia: “Ho ricevuto comunicazione dalla prefettura a mezzogiorno. Ho fatto presente che la struttura prescelta per ospitare i profughi era chiusa da tre anni, nonostante questo alle 19 sono arrivati in paese”.

La notizia è circolata e residenti e turisti, alcuni dei quali hanno persino fatto le valigie, si sono riversati davanti all’albergo per protestare. “Siamo una realtà turistica, bisognerebbe tenerne conto”, ha concluso il sindaco.

La protesta è andata avanti fino alle 2 di notte, con i carabinieri che hanno presidiato l’albergo per tenere monitorata la situazione.

Comments

comments

12 COMMENTS

  1. A collio?? protestano??? quelli di forza nuova ci vanno a nozze in questo periodo. Sti scarti della società (come gli estremisti di sinistra) strumentalizzano qualsiasi cosa pur di uno scatto sui giornali, per cosa poi? A collio gli abitanti sono 2.121, venti anni fa erano 1000 di più, se si perde gente si perde forza lavoro, considerando che sono quasi tutti vecchi (conosco bene la zona e il paese) io se fossi il sindaco ci penserei a tenermi qualche migrante e farlo “stanziale”. Il rischio è di avere tra 20 anni 300 vecchi e un paese in via d’estinzione senza economia e senza futuro.

  2. Ha ragione hangover. Gli abitanti di Collio secondo me sono contenti di avere una struttura alberghiera che riapre, che fa lavorare qualche giovane della zona. Oltre alla necessità di avere nuovi abitanti, pena l’estinzione della specie.

  3. Macché protesta spontanea. Erano quelli di FN, i fascisti del terzo millennio, che soffiano sulle paure della gente. Gli abitanti di Collio erano tranquillamente a casa loro.

  4. Gli abitanti di San Colombano non vogliono i profughi nel loro paese, tanto più quando vengono calati da Roma senza alcun preventivo contatto con l’amministrazione comunale e per soddisfare gli “appetiti” di qualche imprenditore. Detto questo, la Valle sa farsi sentire da sola senza bisogno di squadristi in cerca di visibilità e di scontri con la polizia. Grazie

  5. PROFUGHI ? SINO A PROVA CONTRARIA NON SONO PROFUGHI , RESTANO CLANDESTINI E SONO CLANDESTINI IN ITALIA PERCHE’LO STATUS DI RIFUGIATO NON LO HANNO , QUINDI SMETTIAMOLA DI RIEMPIRCI LA BOCCA ( E LE TASCHE ) CON LA PAROLA PROFUGO PERCHE’ E’ INESATTO !! SE LORO SONO PROFUGHI NOI ITALIANI SIAMO DEI RIFUGIATI POLITICI IN CASA NOSTRA E CHIEDIAMO ASSISTENZA . E’ DIVENTATO DI MODA DIRE PROFUGHI PER LAVARSI LA BOCCA E LA COSCIENZA , A GUARDARE LE FOTO E LE IMMAGINI DELLE TV , CI VEDO QUALCHE ERITREO , MOLTISSIMI INDIANI, PAKISTANI , AFRICANI CHE NON SCAPPANO DA NESSUNA GUERRA…PIGLIANO I TAXI DEL MARE PER TIRARE A CAMPARE IN ITALIA E RESTARCI DA CLANDESTINI PER SEMPRE . DA OGGI FONDO LE BRIGATE ANTI CLANDESTINI IN TUTTA ITALIA , A SPESE MIE , UTILI A SEGNALARE ALLE AUTORITA’ CARABINIERI E POLIZIA , TUTTI QUEI SOGGETTI CHE NON HANNO ALCUN DIRITTO DI STARE IN CASA NOSTRA A FARE UN K…..ZO E CHE DEVONO ESSERE ESPULSI !

  6. Sei proprio cieco. Milioni di persone fuggono dalle zone di guerra e dalla miseria e tu non vedi i profughi. In Italia 2 su 3 dei richiedenti asilo ottiene un riconoscimento di protezione internazionale. Non spetta certo agli squadristi, ne alle brigate che proponi, decidere chi é profugo e chi no. Razzista.

  7. eccolo qua quello che si lava la bocca , mi dai del razzista ma prendi luccciole per lanterne… se chiedere LEGALITA’ per te significa essere razzisti, allora io sono razzista quanto tu sei un fesso a cui sta bene l’illegalità !!
    gaston de foix

LEAVE A REPLY