Omicidio Lonato, oggi il funerale di Cezara nella chiesa ortodossa di Brescia

0

Si stanno celebrando questa mattina nella chiesa ortodossa di Brescia i funerali della 18enne Cezara Musteata, uccisa dall’ex fidanzato 41enne Luigi Cuel, che poi si è suicidato impiccandosi ad un albero.

La tragedia è accaduta nelle campagne di Lonato dove l’uomo, probabilmente dopo averla stordita con il cloroformio, l’ha soffocata con una fascetta da elettricista.

Dopo l’autopsia sui due cadaveri è stato concesso per entrambi il nulla osta alla sepoltura. La salma di Cezara si trovava all’ospedale Civile, proprio come quella di Luigi, i cui famigliari però non si sono ancora presentati per sbrigare la pratiche burocratiche.

Dopo il funerale con rito ortodosso la ragazza, come annuncia il Giornale di Brescia, sarà sepolta nel cimitero di Castiglione delle Stiviere dove viveva con la madre e il fratello.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. finalmente potrà riposare in pace, anche se non posso fare a meno di chiedermi perché certi uomini abbiano bisogno di uccidere l’oggetto del proprio desiderio prima di togliersi la vita.

  2. una vita stroncata a 18 anni per la follia di un uomo adulto che pretendeva di averla tutta per se. se non si fosse ucciso da solo sarebbe proprio in casi del genere che servirebbe la pena di morte

  3. risposta a tio: forse perché sono completamente arrabbiati che il partner abbia cambiato idea e quindi, per questo, lo sopprimono sopprimendo poi anche se stessi vuoi perché sanno di non poter più vivere senza il partner stesso vuoi perché a modo loro pur con quello che hanno fatto lo considerano una cosa romantica anche se, a questo punto, totalmente egoistica…. una pura e folle deviazione…..
    Qua ndo si capirà che l’essere lasciati può anche essere l’occasione per mettersi in discussione smettere di essere così partner-dipendenti e, magari, su vari livelli migliorarsi…???
    D elle serie chi mi ama mi segua e chi non mi vuole non mi merita… ma prima di tutto sempre voler bene a se stessi!!!

LEAVE A REPLY