A tutte le ore, in via Crocifissa il supermercato resterà sempre aperto

0

Nei paesi anglosassoni sono già diffusi da tempo i supermercati 24 ore. E ora anche Brescia si dota di un centro acquisti che resterà aperto 7 giorni su 7 e per 24 ore. Si tratta del Carrefour di via Crocifissa di Rosa e, caso vuole, che quello che oggi è firmato dal brand francese, fosse, nel 1965, il primo supermercato in città, che ai tempi si chiamava "Stella". 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Le aperture e la liberalizzazione degli orari sono state rese possibili dal governo Monti col decreto “salva Italia”, che ha offerto su un piatto d’argento la possibilità agli esercizi commerciali ed ai grandi ipermercati di tenere aperto sempre, anche durante le domeniche e i festivi, ed ora anche di notte.
    Ma la mirabolante crescita occupazionale del settore promessa da Monti è stata completamente disattesa: si sta invece verificando la chiusura di migliaia di imprese piccole e grandi, con licenziamenti di massa, e si è aperta una nuova “guerra tra poveri”, che si offrono sul mercato del lavoro a condizioni da fame. Lavoratrici e lavoratori dei supermercati sono già logori dai processi avviati “ante Monti” mirati ad imporre il massimo della flessibilità e della precarietà e oggi subiscono un ulteriore arretramento che spazza via quel poco tempo rimasto per la cura della famiglia e per la socialità. Altra preoccupazione è rappresentata dalle condizioni di sicurezza in un settore dove circa l’80% degli addetti è di sesso femminile in un clima sociale che registra la crescita degli episodi di criminalità e di violenza. Le liberalizzazioni si stanno compiendo sulla pelle delle donne e degli uomini del commercio.

  2. @vergogna pensa che in gran bretagna, paese del liberismo sfrenato, per cercare di rendere meno pesante sulle realtà locali il peso dei megasupermercati ha messo leggere regole di chiusura ai grossi esercizi e reso completamente libero la gestione dell’apertura ai piccoli alimentari e negozi. Mi sembra migliore come idea che il liberismo sfrenato.

LEAVE A REPLY