Industria, arte e territorio nella nuova mostra di Brend dedicata al tessile

0
Bsnews whatsapp

“Tessile” è la nuova mostra all’interno del programma di Brend che sarà inaugurata domani, sabato 12 settembre, alle 18 a Palazzo Martinengo (in via Moretto): racconterà il mondo bresciano della filatura, della tessitura, dei calzaturieri, della calzetteria, dei retifici e delle confezioni rappresentato da queste aziende: Bonadei, Cittadini, Condor Trade, Cotonella, Disco Blu 2, Facenti, Filmar, Maris, Montecolino, Monticolor, Progetto Maglia e Saccheria Franceschetti.

Il percorso espositivo, curato dagli esperti del Musi, si snoda attraverso le installazioni realizzate con oggetti di diversa natura provenienti dalle aziende che partecipano alla rassegna, accompagnate da immagini e testimonianze che descrivono le tecniche di produzione adottate. E’ inoltre prevista una scenografica installazione all’esterno di palazzo Martinengo, in piazzetta Sant’Alessandro, dedicata al tema della mostra.

"Tessile" segue la medesima filosofia delle precedenti iniziative realizzate a Brend, con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze del territorio attraverso le imprese bresciane, che partecipano mettendo a disposizione i loro prodotti e la loro tecnologia.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ottima scelta il Musil, essendo il comparto tessile ormai solo archeologia industriale. Ma brend non doveva occuparsi di sviluppare le nostre eccellenze industriali richiamando operatori e istituzioni economiche straniere, nonché intercettare il turismo di expo?

  2. Ma possiamo dire che Brend è stata una cavolaia inutile, costosa e che non ha proposto iniziative della minima rilevanza? Qui l’inutile Brend si associa al Musil, altra realtà che da anni sta bruciando soldi pubblici e che prossimamente se ne mangerà molti di più. La gestione ora fa acqua, basta vedere le spese pazze per la sede di Rodengo Saiano aperta 3 mezze giornate…. La verità è che il museo è stato ideato come sempre per distribuire posti ai politicanti. Stiamo attenti sono soldi nostri! Che vengano spesi meglio!!

RISPONDI