Filiera auto, positiva la crescita delle imprese artigiane bresciane

0

Secondo l’ultimo studio dell’osservatorio di Confartigianato Lombardia, in una filiera, quella dell’auto, dove nella produzione l’81,4% delle imprese a Brescia hanno meno di 50 addetti e nei servizi e nel commercio questa quota raggiunge il 99,7%, la stragrande maggioranza delle imprese sono artigiane.

 

Crescono le imprese di produzione a Brescia, al II° trimestre 2015, 135 su 803 in Lombardia, con una variazione positiva dello 0,7%. Cresce il commercio e i servizi legati all’auto del 1,9% raggiungendo le 3.283 imprese (il 13,7% del totale della Lombardia) per un totale positivo di 3.418 imprese e una variazione positiva dell’1,8%.

Tiene il settore artigiano legato alla filiera auto a Brescia. In particolare, su 1.999 imprese a Brescia di manutenzione e riparazione autoveicoli, dove 1.726 sono artigiane (l’86,3%).

«Buona notizia, nella filiera dell’auto e moto, composta da produzione servizi, fabbricazione carrozzerie, servizi di vendita, manutenzione e riparazione, a Brescia operano 1.726 imprese artigiane registrate al II° semestre 2015 con una variazione positiva dello 0,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questo anche perché il parco auto circolante è sempre più datato, nonostante si sia rimesso in moto il mercato dell’auto» ha precisato Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Imprese Unione di Brescia e Lombardia.

Positiva la dinamica dell’export di autoveicoli, carrozzerie, parti accessorie a Brescia: al I° trim. 2015 rispetto ad un anno prima ha tocca i 359 milioni di euro di valore, con una variazione del 11,3% e la leadership nel mercato lombardo con il 28,1%. Crescono anche le immatricolazioni delle autovetture: nel 2014 sono state 27.437, +1,2% rispetto allo stesso periodo di un anno prima, l’11,6% del totale venduto in Lombardia.

«Anche se il mercato dell’auto è stato tra quelli che maggiormente hanno risentito della crisi, i dati mostrano una tendenza positiva a Brescia, oltre alle nuove immatricolazioni, si amplia l’offerta offerto dal settore artigiano, sempre più proiettato ad intervenire in futuro su ricambi, in tecnologia e assistenza specifica, dove le imprese sempre più si  aggiornano nelle competenze e nella tecnologia per restare al passo con le novità per intercettare la domanda di quei consumatori che non sono interessati all’acquisto di un auto nuova, ma che però vanno incentivati a migliorare l’efficienza e la sicurezza dei propri veicoli» conclude il presidente Massetti.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome