Violenza sessuale, dopo 15 anni i figli ritrattano sugli abusi del padre

0
La sentenza
La sentenza

Dopo 15 anni di silenzio i figli ritrattano sulle violenze che avrebbero subito dal padre, condannato a nove anni di carcere e attualmente rinchiuso nel carcere di Sassari.

La vicenda risale a quindici anni fa quando in una famiglia di origini sarde residente a Brescia scoppia il disaccordo tra madre e padre e arrivano le prime denunce nei confronti del genitore.

“Quello che avevamo detto io e mio fratello erano tutte invenzioni dettate da quello che mia madre ci raccontava – si è sfogato sul Giornale di Brescia il figlio maggiore, oggi 24enne e all’epoca dei fatti solo 12enne – Lei voleva allontanare mio padre e ci faceva dire che lui abusava di noi. Agli atti ci sono solo le dichiarazioni di due bambini e nessun’altra prova contro mio padre – ha spiegato il giovane -. Nessuno ci ha mai chiesto di raccontare la nostra verità”.

Difficile non credere alla deposizione spontanea di due figli che ammettono di non essere mai stati abusati e, invece, di aver retto il gioco alla madre, tanto che per il legale dei due, il bresciano Massimiliano Battagliola, “ la clamorosa ritrattazione dei due figli a distanza di 15 anni oggi assume il valore di una nuova prova e per questo chiediamo alla Corte d’Appello di Roma la revisione del processo”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Si ma appena vengono pubblicate le notizie di arresti e abusi presunti, subito la “rete.. Piena di aole” … Si scatena per castrazione chimica, uomo infame ecc ecc ecc … Forse qualcuno dovrebbe far riposare la tastiera.

  2. Posso capire il figlio quando aveva 12 anni, ma dopo i 18 no!! Ora ne ha 24 e per questi ultimi 6 anni di attesa non è giusto che la passi liscia nemmeno lui. !!

  3. di una nota avvocata divorzista, in moltissimi casi le mogli dichiarano e fanno dichiarare che il marito abusava sessualmente dei figli. Più che prendermela con figlio, che era un bimbo all’epoca, la cara mammina??? La Giustizia che fa??? In carcere per anni per avere più denaro, la casa, l’auto, i figli… non è da considerare sequestro di persona, riduzione in prigionia ecc ecc? La mammina non si fa almeno altrettanto di carcere? No? Allora non c’è Giustizia!

LEAVE A REPLY