I profughi escono dall’hotel tra gli applausi del corteo e gli insulti dei residenti

105
Bsnews whatsapp

Non sono certo mancati momenti di tensione durante la manifestazione organizzata sabato pomeriggio a San Colombano, frazione di Collio, dagli antagonisti di estrema sinistra (presenti diritti per tutti, magazzino 47, sinistra anticapitalista) per festeggiare i 19 profughi arrivati nel comune dell’alta Valtrompia tre settimane fa.

Il corteo, formato da circa 250 persone, ha permesso ai profughi di uscire dall’albergo il Cacciatore che dove sono ospitati in sicurezza. Uno di loro alla vista dei sostenitori dell’accoglienza si è commosso: “Non mi aspettavo tanta gente”.

La manifestazione però ha visto alcuni momenti di tensione quando i manifestanti sono giunti in piazza dove ad attenderli c’era un gruppo di residenti che ha iniziato ad insultarli. E’ iniziato uno scambio acceso, tanto che un manifestante ha urlato: “Se ci attaccano, ci difenderemo”.

A quel punto la Polizia e i carabinieri presenti sul posto hanno cercato di riportare la calma, dividendo i contendenti.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

105 COMMENTI

  1. Applausi e giubili a Collio da parte dei residenti, non vedono l’ora di riceverne altri, vedo. Solo una quindicina di persone erano contro, tra queste le mamme, vero?

  2. I sinistri sono andati a protestare in modo da fare uscire i profughi a prendere una boccata d’aria…. Perchè non li hanno portati a fare una gita in Maniva, una bella camminata rischiarerebbe le idee a tutti, no?

  3. Campane di giubilo a Collio: sono arrivati magazzino 47 e sinistra antagonista a liberare i poveri profughi, ostaggio in albergo, di mamme cattive che non li vogliono….

  4. Sono un traditore : la prossima volta che passerò da Collio porterò loro vestiti, scarpe, qualche stecca di sigarette e una stretta di mano. Alla faccia nera triste e cupa dei fascisti e dei razzisti.

  5. A lanciare gli insulti e anche qualche sasso sono stati lanciati da un piccolo gruppo di estremisti di destra protetti da un cordone di poliziotti (giustamente altrimenti facevano una brutta fine). I residenti sono stati a casa loro, sono stufi che il loro paese sia diventato un campo di battaglia per l’arrivo di 20 ragazzi. E che sarà mai….

  6. La vera vergogna e che 19 ragazzi, che non hanno alcuna colpa, siano oggetto assedio minacce e tentativi di aggressione. Cosa centrano loro? Chi é contrario alla loro presenza se la prenda con il Prefetto, con il Governo con chi vuole, ma non si possono minacciare le persone, impedire loro di uscire per strada. Ma dove siamo arrivati?

  7. Non dobbiamo fare di tutta un erba un ….fascio. I residenti di Collio non sono tutti strxxxi. Ce ne sono, certo, come ovunque, ma per la gran parte non sono razzisti ne fascisti. Invece lo sono gli squadristi che imperversano per le strade di Collio. I cittadini di Collio devono differenziarsi da questi squadristi. Altrimenti passeranno anche loro per fascisti e passeranno così automaticamente dalla ragione al torto..

  8. Una piccola critica alla maggioranza degli abitanti di Collio mi sentirei di farla: come possono permettere che il loro paese sia lordato dalla presenza di fascisti e razzisti? I quattro scalzacani locali che si lasciano aizzare da quella gentaglia non rappresentano certo tutta la cittadinanza. Auguro ai Colliensi un sussulto di dignità che consenta loro di cacciare una volta per tutte i loschi e violenti mestatori.

  9. Se penso a quanto ci costano i manifestanti xenofobi tra Forze dell’Ordine e mantenimento dei politicanti che li istigano, preferisco di gran lunga che i soldi siano spesi per chi ne ha bisogno…

  10. Attenti cittadini di Collio a girare in paese, ci sono gli squadristi fascisti che vi danno una mano di randellate e poi vi fanno bere olio di ricino se non dite che non volete i clandestini!

  11. no quelli che costano sono i vecchi del magazzino che vanno in giro a rompere! Ma hanno trovato forse coloro che non arretrano davanti ai bimbiminkia. L’importante è che gli abitanti di Collio li non li vogliono!

  12. Se non arrivassero i profughi non ci sarebbe bisogno di polizia per scortarli, non pagheremmo preti e cooperative rosse, e non ci sarebbero i vostri tanto odiati fascisti a manifestare!

  13. Ma le parrocchie di Collio e San Colombano non si mobilitano? Non rispondono all’appello di Monari e di Francesco? A Collio i cittadini sono ben lieti di ospitarli, allora via parroci… O non siete d’accordo voi di stringervi un po’ per far posto a loro? Succede magari il paradosso che in tanti altri paesi la gente non vuole i clandestini ma i parroci sì, mentre altri dove la gente li vuole come Collio, i loro parroci no. Mai contenti, insomma…

  14. Finalmente qualche sorriso, compreso quello dei 19 ragazzi, tra musi pieni di odio e senza cuore. Forza ragazzi ! Il futuro é di chi é ottimista e vuole vivere.

  15. Tutti contenti e molti sorrisi e tutti vissero felici e contenti. E il lieto fine del romanzo nazional popolare che piace a tanti è questo. I problemi, come per incanto, non ci sono più!

  16. Ma al Magazzino 47, a radio onda d’ urto, al circolino del Carmine o nelle belle case dei soliti Kompagni dai capelli bianchi non vengono ospitati un po’ di questi poveri profughi anziché lasciarli in mezzo ai “fascisti e nazisti” di Collio ?

  17. Ma guarda che a loro servono per pagarli 3 euro all’ora, per smerd… i loro vecchi per niente, per creare nuova dipendenza dovuta alla fame (varia prostituzione che piace molto a loro, bambini, bambine, giovani maschi di tutte le razze…, tanto nessuno di loro si ribella e dice qualcosa). Quando invece non servono li scaricano agli italiani poveri….

  18. Ma a Collio ci saranno 19 evasori? Tanti quanti i ragazzi rifugiati? Sicuramente molti di più e che arrecano al paese un danno enorme, che sottrae risorse per occuparsi degli anziani e dei bambini. MA contro quelli non c’é lo stesso rancore: sono dei nostri. Invece un hotel che riapre porta soldi al paese, fa lavorare le persone, i dipendenti dell’hotel, il panettiere che fornisce il pane, il macellaio che fornisce la carne, l’ortolano. etc. C’é proprio chi vuole male a Collio.

  19. fai quello che puoi ma nell’ordine dei 20.000 euro perché gentile ragazzo tu li vuoi e tu paghi per loro. Sui 19 evasori di Collio? bamba che non sei altro credi che a Collio ci sia business per evadere tasse per 20.000 euro al mese????? BAMBA

  20. L’evasione in Italia é pari a 180miliardi all’anno. Ovvero 3mila euro a testa per ogni cittadino italiano, bambini compresi.
    Se a Collio siamo nella media, fa un totale di 6milioni di euro evasi ogni anno. I 19 rifugiati costano alla collettività 228 mila euro all’anno, pagati dall UE e che restano a Collio.
    Tanto per dare le dimensioni e sapere chi danneggia la collettività di Collio e chi invece la favorisce.

  21. Ma a Collio ci saranno 19 babypensionati, pensionati d’oro o falsi invalidi? Così si possono giustificare altrettanti arrivi di clandestini, come se pagassero queste persone il loro soggiorno!

  22. Che bello, aiuti tutti quelli che puoi, come tutti, alla fine. Evidentemente, intorno a te e nella tua famiglia non c’è nessuno che ha bisogno. Fortunato, più unico che raro. Oppure la gente intorno a te ha problemi irrisori. Altrettanto fortunato. Ma vivi in Italia?

  23. Un reddito di cittadinanza a chi è senza lavoro e non ha di che vivere invece non fa girare l’economia? Siccome il governo non lo vuole istituire mi viene il dubbio che nn ci siano i soldi. E allora domando: perchè non distribuiamo le risorse in maniera equa, una parte per i profughi (i veri profughi) e l’altra per il reddito di cittadinanza. Risolveremmo la crisi…

  24. Chiedi al tuo Renzi di scovarli finalmente i tuoi 19 evasori! Sono cinquant’anni che sento parlare la sinistra di lotta all’evasione ma zero risultati. Ma c’è l’evasione o è uno specchietto delle allodole, ormai obsoleto, per raccattare voti dagli ingenui che ancora credono a questa lotta?

  25. gli applausi di pochi antagonisti che non contano niente e che COMUNQUE NON RAPPRESENTANO PER NULLA il pensiero e il sentimento della maggioranza della popolazione italiana verso questo CLANDESTINI .
    In caso di disordini, I MAG 47 E I FANK…STI non faranno distinzione tra italiani e clandestini favorendo questi ultimi si sà , ma anche tantissimi italiani si adeguerannno di certo e che sia magari la volta buona di sbatterli fuori insieme !

  26. Come il pensiero della maggior parte degli italiani non è rappresentato dalle associazioni di estrema sinistra, così non è rappresentato dalle associazioni di estrema destra. Inoltre faccio presente che non esistono solo due pensieri sull’argomento (cioè: li vogliamo/non li vogliamo) ma ci sono un’infinità di fattori da considerare, come molti hanno detto non esistono soluzioni semplici a un problema complesso e le soluzioni proposte a me sanno tanto di semplicistico. E tra i fattori da considerare non dimentichiamo quello geografico…che non è proprio colpa di nessuno.

  27. 1. la foto è sbagliata, non è della manifestazione del 19 settembre, ma di quella del 5 settembre (anpi, pd locale, rifondaz, 28 maggio ma non magazzino 47 e area antagonista)
    2. non c’erano 250 persone ma circa 450 reali
    3. i momenti di tensione sono stati due, gli insulti di un gruppo di ragazzotti nascosti dietro la celere davanti all hotel cristal all’andata e a fine corteo il lancio degli stessi di un (un) sasso verso alcuni manifestanti con pronta fuga successiva
    4. cgil pd e anpi hanno cercato di fare terra bruciata attorno al corteo, risultato: il doppio della gente di due settimane prima

  28. i PIDDI RENZI ALFANO non sanno gestire i clandestini , e ponetevi la domanda , una volta eseguito il riconoscimento di quelli che NON AVRANNO DIRITTO ALL’ ASILO , come si farà a mandarli via ??
    Retate nei quartieri ? ci vorranno decenni di battaglie strada per strada e non sarà mai abbastanza…e gli italiani il PD non lo voteranno mai più , a mali estremi estremi rimedi…lega e destra in italia e all’estero volano , vedi alba dorada…e un motivo c’è … VIA I CLANDESTINI DALL’ EUROPA !!

  29. In Italia c’è una Costituzione che dice che i profughi (non solo quelli che scappano dalle guerre) devono essere accolti. Chi non è d’accordo ha tre possibilità: 1 cambiare la Costituzione, 2 lasciare l’Italia, 3 rispettare le norme che regolano il Paese dove vive.

  30. Ma se sono una ricchezza, una risorsa, e ci portano arricchimento culturale dovremmo fare la coda per averli, quindi perchè non fare questo referendum?

  31. La costituzione rimette alla legge in che maniera tutelare i profughi. Inoltre la nostra costituzione dice anche che La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Quindi a chi non viene riconosciuto questo diritto ha anche lui tre possibilità: cambiare la costituzione, lasciare l’Italia, pretendere questo diritto.

  32. Da qualche pare vanno accolti. Lo diceva anche Maroni quando era al governo, adesso che é all’opposizione dice il contrario. Non c’é uno straccio di proposta rispetto all’accoglienza: solo sparate propagandistiche (rimandarli indietro, aiutarli nei loro paesi, insomma palle), ma si tratta di persone non di rifiuti, quindi non c’é altra possibilità che accoglierli.

  33. E’ vero che la Costituzione garantisce anche il diritto al lavoro, il diritto alla salute ecc. ed è pure vero che spesso questi diritti non vengono riconosciuti, ma non per questo ho rinunciato a chiederli. Allo stesso modo chiedo che venga riconosciuto il diritto di asilo ai profughi. E non si può negarlo con un referendum di un singolo comune, nemmeno se ottenesse il 100% dei consensi perchè è l’intero Paese che deve farsene carico.

  34. Brava rodri, vedo però che già ad aiutare la mia famiglia e quelli appena fuori, spesso non mi è possibile e poi mi esaurisce le risorse. Sei fortunata tu, come ti dicevo, che hai problemi irrisori tra i tuoi familiari e tra quelli appena fuori di te da poterti permettere di aiutare il resto del mondo. E molti che conosco fanno fatica a mettere insieme il pranzo con la cena da risultare impossibile aiutare il resto del mondo.

  35. Il problema però è che il diritto al lavoro viene invocato a parole ma a fatti, come vedi, lo stato non è in grado di garantirlo, nonostante i 67 anni della costituzione. Sei sicuro quindi che lo stato riuscirà a garantire il diritto d’asilo ai profughi (e solo a quelli). Se tanto mi dà tanto… Per ora non mi sembra: si dà assistenza gratuita a tutti spendendo soldi per niente. Per il lavoro, invece, non si spende, non di dà un reddito a chi non lavora. E già qua ci sono delle disparità dovute all’onda emotiva e al buonismo del momento.

  36. ciò che asserisci è purtroppo una tragica realtà per la quale soffro, mi scuso se ho inavvertitamente urtato i tuoi sentimenti,ma è pur vero che tanta gente pina di soldi potrbbe fare moltodi più.buona giornata

  37. Oggi l’Ocse ha informato che entro un anno in Europa arriveranno un milione di rifugiati. In un modo o nell’altro arriveranno. Che facciamo? Costruiamo muri ovunque o cerchiamo di trasformare la crisi in occasione? Senza giovani il nostra welfare è destinato a crollare. Servono giovani e gli immigrati lo sono.

  38. Sono molti i diritti che lo Stato non riesce a garantire (non per mancanza di denaro, ma per questioni che è inutile discutere qui ora), tuttavia non credo di dover rinunciare al diritto alla salute perchè non è garantito il diritto alla lavoro e non ritengo quindi giusto rinunciare alla tutela dei diritti dei profughi perchè altri diritti non vengono garantiti: di questo passo finiamo per non riconoscere più niente a nessuno.
    Io personalmente aggiungo anche altre motivazioni alla tutela dei profughi che stanno nella difesa dei diritti di tutti, ma questo va oltre la Costituzione Italiana e si rifà alla “Dichiarazione universale dei diritti umani”: argomenti troppo ampi per chi chiede un referendum per il comune di Collio.

  39. A tutti gli accoglienti senza se e senza ma dico solo:
    capirete anche voi, social-catto-comunis ti, che i soldi degli altri, prima o poi, finiscono!

  40. Ognuno ha la propria coscienza e risponde ad essa. C’è chi è egoista ed è consapevole di questo e c’è chi lo è ma si nasconde imponendo agli altri la solidarietà. Qui poi dev’essere l’educazione a far capire quando l’altro ha bisogno. Perciò rimane un problema personale.

  41. Nessuno dice di rinunciare agli ideali, altrimenti la nostra vita sarebbe già morta da un pezzo. La realtà dei fatti però è un’altra e con questa dobbiamo scontrarci. Uno stato che non riesce a garantire un lavoro dignitoso a tutti, una sanità degna di questo nome, una scuola altrettando degna, non può pretendere di garantire elevati standard anche su altri temi, come quello che tu suggerisci. E andando avanti di questo passo con tutta questa gente in più lo stato avrà ancora più difficoltà a garantire gli stessi servizi. Sulla dichiarazione universale dei diritti umani, anche questa vecchia come la costituzione, rimane un documento di principio che, negli anni, abbiamo visto troppe volte calpestato. Sull’ignoranza attribuitami perchè semplicemente chiedo un pronunciamento democratico della popolazione, rispedisco al mittente il tentativo di offesa. Sono orgoglioso di essere ignorante perchè mi sono reso conto fin da bambino che il sapere è infinito e nemmeno una vita basterebbe per colmare l’ignoranza di ognuno, perciò mi trovo in ampia e buona compagnia…

  42. La tua peggiore ignoranza e non sapere che il nostro sistema sanitario e scolastico (scuola dell’obbligo) sono tra i migliori al modo. Non hai proprio idea di come si viva nel resto del mondo. Ogni tanto fai un giro.

  43. I migranti fanno aumentare la disoccupazione?
    No. Le analisi statistiche riportate dall’Istituto universitario europeo – in uno studio cofinanziato dall’Unione europea – mostrano che la disoccupazione e l’immigrazione nei paesi europei non vanno di pari passo, ma anzi si muovono in direzione opposta.

    I ricercatori spiegano che “da un lato gli immigrati sono più attratti dall’occupazione che dalla disoccupazione, dall’altro un mercato del lavoro che funziona bene crea occupazione sia per i migranti sia per gli autoctoni che, in molti casi, non sono in competizione diretta”. In Italia, per esempio, i dati Istat elaborati dalla Fondazione Moressa mostrano come i lavoratori immigrati tendono a esercitare in aree differenti da quelle dei lavoratori italiani.

  44. La premessa però è quella che un mercato del lavoro che funziona bene crea occupazione. In Italia, da sempre, non funziona affatto, quindi già non ci siamo. In più italiani e migranti non sono in competizione? Non mi sembra proprio, basti vedere in certi settori dove gli italiani sono spariti, causa, come sempre, la diminuzione delle paghe e delle garanzie. Oppure non sono in competizione, per ora, in quei settori dove c’è uno sfruttamento tale da rendere improponibile agli italiani un’occupazione: badanti, raccoglitori di pomodori, ecc…

  45. Dimmi tu dove trovi una italiana disponibile a vivere con una nonna 24h/24. Per quale stipendio una donna italiana accetterebbe: mille euro? duemila? dubito anche a 3mila. Chi può permetterselo?

  46. Se la pagheresti come si deve e cioè come almeno un’infermiera con tutti gli istituti, ferie, tredicesima, tfr, permessi, contributi, straordinari, la troveresti, oppure è più comodo usare i nuovi schiavi del 2000 costretti, per povertà, ad accettare condizioni di lavoro inferiori alle nostre? E se non te lo puoi permettere, fai a meno. Anch’io allora vorrei la domestica a poco e niente 24h su 24, ma questo si chiama sfruttamento. Non me la posso permettere, faccio a meno, non sfrutto la povertà. E non sono comunista…

  47. Se la pagheresti come si deve e cioè come almeno un’infermiera con tutti gli istituti, ferie, tredicesima, tfr, permessi, contributi, straordinari, la troveresti, oppure è più comodo usare i nuovi schiavi del 2000 costretti, per povertà, ad accettare condizioni di lavoro inferiori alle nostre? E se non te lo puoi permettere, fai a meno. Anch’io allora vorrei la domestica a poco e niente 24h su 24, ma questo si chiama sfruttamento. Non me la posso permettere, faccio a meno, non sfrutto la povertà. E non sono comunista…

  48. Se la pagheresti come si deve e cioè come almeno un’infermiera con tutti gli istituti, ferie, tredicesima, tfr, permessi, contributi, straordinari, la troveresti, oppure è più comodo usare i nuovi schiavi del 2000 costretti, per povertà, ad accettare condizioni di lavoro inferiori alle nostre? E se non te lo puoi permettere, fai a meno. Anch’io allora vorrei la domestica a poco e niente 24h su 24, ma questo si chiama sfruttamento. Non me la posso permettere, faccio a meno, non sfrutto la povertà. E non sono comunista…

  49. Se la pagheresti come si deve e cioè come almeno un’infermiera con tutti gli istituti, ferie, tredicesima, tfr, permessi, contributi, straordinari, la troveresti, oppure è più comodo usare i nuovi schiavi del 2000 costretti, per povertà, ad accettare condizioni di lavoro inferiori alle nostre? E se non te lo puoi permettere, fai a meno. Anch’io allora vorrei la domestica a poco e niente 24h su 24, ma questo si chiama sfruttamento. Non me la posso permettere, faccio a meno, non sfrutto la povertà. E non sono comunista…

  50. Se paghi una badante come un’infermiera (costo 2mila euro/mese), copri 8 ore x 5 giorni la settimana. Forse. Con meno di mille euro trovi invece una badante che proviene da un paese dell’est, vive con la nonna e sta quasi sempre con lei. É un affare per la badante, per me e anche per la nonna che riesce a rimanere a casa sua e che altrimenti dovrebbe andare in casa di riposo dove morirebbe presto.

  51. E’ un affare per te, per tua nonna (fino ad un certo punto) ma non certo per la badante: credi che rifiuterebbe la paga che sarebbe corrisposta ad un’infermiera?

  52. Certo che la badante la meriterebbe, è bravissima. Ma io non me lo posso permettere. Comunque la badante è contenta perché al suo paese guadagnerebbe 120 euro al mese, se trovasse lavoro. Cosa non facile. Ti assicuro che la nonna è felice ed è terrorizzata all idea di andare in casa di riposo.

  53. Quindi pagandola 1.000 Euro (con i contributi) al mese per 24h fai anche un’opera di bene, come una volta il signore che pagava secondo lui tanto le proprie cameriere (costava poco la vita anche qui). Le battaglie che sono state fatte dopo non sono servite a niente, quindi. Non ti sei mai chiesto che in questa maniera togli la possibilità di lavorare a gente italiana in regola? Che, con la scusa che al loro paese si vive con 120 Euro, giustifichi quello che qui in Italia si chiama sfruttamento? Hanno ragione allora anche quelli che pagano 3 Euro all’ora i raccoglitori di pomodori perchè nei paesi d’origine di queste persone si vive con meno. E via di questo passo si giustifica tutto, anche le cooperative. Qui siamo in Italia, il costo del lavoro è elevato, per tutti, e tale deve esserlo anche per queste categorie, se siamo un paese civile. Altrimenti anche le aziende potrebbero ragionare così e quindi non solo pagare meno, diminuire le tutele (come nei fatti sta succedendo)ed assumere solo disperati. Quanto alla nonna, sarebbe più contenta, secondo me perchè io ragionerei così, se fossero i familiari a starle vicino, come una volta e con qualche sacrificio, non una straniera…

  54. Certo che resteremmo volentieri vicino alla nonna, ma lavoriamo tutti. Dove vivi? La badante la pago secondo quanto previsto dal contratto nazionale, forse anche un po’ di più. Oltre allo stipendio c’é anche il vitto e l’alloggio, non é poco. Ma nonostante questo non é sufficiente per una donna italiana, quindi la badante della nonna non toglie lavoro proprio a nessuno. Senza badante la nonna dovrebbe andare in casa di riposo, oppure qualcuno di noi dovrebbe cambiare vita, non lavorare oppure non studiare. Invece così la nonna rimane a casa sua e andiamo a trovarla in quella che rimane la sua casa. 3 euro/ora per i raccoglitori di pomodori non credo proprio sia una retribuzione contrattuale.

  55. Quei contratti nazionali discriminanti verso questi lavoratori perchè non tutelati come gli altri. Ed è la causa principale del rifiuto degli italiani. Così è sfruttamento legalizzato come quello delle cooperative e degli ex cococo che, per fortuna, hanno eliminato. Infatti, come dici, non è sufficiente per una donna italiana, ma, secondo te perchè ha delle pretese, o perchè è troppo poco? Le battaglie sociali, magari combattute anche da te negli anni passati per una giusta retribuzione, in questi casi non contano nulla? Se non avessi alternative, e quindi se dovessi pagare chiunque come un’infermiera, ti organizzeresti diversamente, cambieresti anche la tua vita e quella dei tuoi familiari, come si faceva una volta. La famiglia dovrebbe venire prima di tutto, no? Quanto ai raccoglitori di pomodori, ci sono quelli come dici tu a nero, ma ci sono anche cooperative che, a conti fatti, pagano quelle cifre lì e non solo in quel settore. In fondo quanto costa la badante all’ora rispetto al servizio che fa? Una miseria.

  56. Certo che io i miei genitori li ho accuditi, lavorava solo mio marito e facevamo sacrifici. Ci si accontentava. Non so se i miei figli farebbero altrettanto con me, ma penso sia solo una questione di egoismo.

  57. “Sono orgoglioso di essere ignorante perchè mi sono reso conto fin da bambino che il sapere è infinito e nemmeno una vita basterebbe per colmare l’ignoranza di ognuno, perciò mi trovo in ampia e buona compagnia…”.
    Cont ento te …

  58. Cara rodri, partiamo dall’inizio in cui dici: dobbiamo aiutare chi ha bisogno siamo tutti fratelli davanti a dio. Ok, non c’è bisogno di dirlo, lo sanno tutti. Sul chi ha bisogno è un po’ generico. Io ti dico che umanamente non riesco ad aiutare tutti quelli che hanno bisogno, e non riesco, per incapacità, mancanza di fondi, ecc. ad aiutare completamente nemmeno chi mi sta vicino e che conosco. Ti ho detto che sei fortunata se riesci ad aiutare tutti, vicini e lontani. E’ quindi un discorso, quello che hai detto all’inizio, scontato, inutile da dire quindi. Anche perchè chi non aiuta non lo capirà mai. E’ questo il senso delle mie repliche. Ciao

  59. Certo che so di esserlo, ma non mi accontento e non mi soddisfa il fatto di trovarmi in ampia e NON BELLA compagnia. A proposito, visto che si parla di ignoranza, vorrei precisare che gli ideali sono una cosa, i diritti un’altra, ma temo che la cosa non ti interessi particolarmente.

  60. Quando si tenta di offendere qualcuno talvolta si perde anche il lume della ragione non capendo il senso ironico della frase, caro Ale. La curiosità del bambino che vorrebbe comprendere tutto ma che si rende conto che è impossibile, ti porta già a capire che una certa predisposizione al conoscere c’è. Il diventare adulti ti fa comprendere altre cose e ti rende ancora più consapevole della complessità del mondo e quindi dell’impossibilità a comprendere tutto. L’essere consapevoli dei propri limiti è principio di prudenza. Il sapere che non sei tu limitato ma l’umanità fatta così ti fa capire di essere “umano” (a proposito: grazie per avermi argomentato il tuo modo di vedere gli ideali ed i diritti, ne farò tesoro!). L’essere in buona o cattiva compagnia è una questione di punti di vista: per me la buona compagnia sono le persone intelligenti. E per fortuna è ampia. Vedo che tu invece dici di trovarti in non bella compagnia. Appartieni forse all’altra schiera di persone? Buonanotte

  61. “Sono orgoglioso di essere ignorante perchè mi sono reso conto fin da bambino che il sapere è infinito e nemmeno una vita basterebbe per colmare l’ignoranza di ognuno, perciò mi trovo in ampia e buona compagnia…”
    Se per te ignoranza ed intelligenza coincidono mi confermi il sospetto che mi è sorto quando hai equiparato gli ideali ai diritti. Ma forse non ho capito il senso ironico di quel che dici, quindi la finisco qui perchè quando si tratta di ironia sono mooooolto ignorante e non è mia intenzione offendere chiccessia.

  62. perchè non si impara a dialogare ed a interagire con gli altri,senza offendersi? stiamo così poco su questa terra che sarebbe bello rispettare tutte le oponioni con serenità e rispetto. buona serata a tutti

  63. perchè non si impara a dialogare ed a interagire con gli altri,senza offendersi? stiamo così poco su questa terra che sarebbe bello rispettare tutte le oponioni con serenità e rispetto. buona serata a tutti

  64. perchè non si impara a dialogare ed a interagire con gli altri,senza offendersi? stiamo così poco su questa terra che sarebbe bello rispettare tutte le oponioni con serenità e rispetto. buona serata a tutti

  65. solito copia e inculla di pallex.. il guru della saggezza spicciola che sparge perle non sue…balùùùùùùùùùùù ùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù ùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù ùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù ùùùùùùùùùù

  66. L’altra notte qualche cretino razzista ha fatto esplodere due bombe carta davanti all’hotel che ospita i 20 ragazzi. Siamo arrivati alle bombe, dopo lo squadrismo fascista che imperversa per le strade di Collio. Cosa dice la sindachessa? Non ho letto una riga di condanna. Il problema di Collio non sono i rifugiati ma l’odio che li circonda e che inquina la comunità tutta.

  67. Ognuno dà in base alla propria sensibilità. Non mi piace quando si parla di obbligo a dare, o solidarietà obbligata. Hai ragione e sono anch’io del tuo parere sul resto. Ciao e grazie, rodri

RISPONDI