Non ancora approvato il gestore unico idrico: il 30 settembre l’ultima scadenza

5
Bsnews whatsapp

Scade il 30 settembre l’approvazione del gestore unico del ciclo idrico integrato, che si occuperà di acquedotti e fognature nei 206 comuni bresciani per 30 anni. Brescia, insieme a Como e Varese, sono al limite del tempo, con il rischio che, se la scadenza non verrà rispettata, la gestione sia affidata a una gara europea. Il Broletto, già messo in mora dalla Regione, ha organizzato quindi la nuova assemblea di tutti i sindaci: se verrà convocata entro il 30 settembre e si svolgerà ai primi di ottobre, i tempi saranno rispettati. Per l’approvazione, come ricorda il Corriere della Sera, serve la maggioranza dei voti che hanno peso differente in base alla popolazione rappresentata. La società – formata al 60 per cento dalle utilities pubbliche (Aob2, Garda Uno, Asvt e Vallecamonica Servizi) e al 40 per cento da una società privata, A2A ciclo idrico – dovrebbe essere misto tra pubblico e privato e potrà chiedere alla Banca europea (Bei) e alla Cassa depositi prestiti i fondi per risistemare l’infrastuttura. Sono necessari infatti, secondo le stime, 850 milioni di euro. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

5 COMMENTI

  1. Gestore unico: andate a vedere le bollette dell’acqua degli ultimi due anni: 2014 aumento del 6,5% delle tariffe, sia consumi che quote fisse; 2015 altro aumento del 6,5% su entrambe le voci! Altro che inflazione e crisi… L’acqua pubblica, cioè quella imposta da queste utility, costa sempre più cara. E siccome sono in monopolio noi paghiamo….

  2. Quanto ci costano questi monopoli…. E poi ti impongono tutto quello che vogliono loro. Come era bello quando non c’era tutta questa urbanizzazione e le municipalizzate non comandavano perchè c’era l’autoproduzione e autoconsumo…. Quindi più si è peggio è!

RISPONDI