BresciaLat, con lo stop ai formaggi freschi 21 dipendenti finiscono in mobilità

0

Erano in attesa di una risposta e ieri la risposta è arrivata: da novembre 21 dipendenti saranno in mobilità. Una risposta che la BresciaLat di Chiari, azienda casearia, avrebbe non voluto mai dare ai sui dipendenti.

L’incontro con i sindacati nel 2014, quando l’azienda aveva dichiarato di non poter più sostenere la produzione di formaggi freschi e aveva parlato di 31 esuberi tra il personale, aveva portato alla cassa integrazione straordinaria per un anno, dal 3 novembre 3014 al 2 novembre 2015. Ieri però l’azienda ha fatto sapere che la produzione dei freschi non potrà riprendere, cosa che dal 3 novembre prossimo metterà in mobilità 21 dipendenti, dieci dei quali però verranno ricollocati nel gruppo.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome