Biossido d’azoto, a Brescia via Turati è maglia nera. In provincia è Rezzato

0

Il caso Volkswagen ha fatto crescere la popolarità del biossido d’azoto che, come hanno certificato i media di tutto il mondo, sono pericolosi per la salute. Anche a Brescia il loro livello in alcune zone è preoccupante. Come traccia il Corriere della Sera sui dati Arpa, la mappa dei comuni fuori legge ha diversi punti rossi. In città è a essere oltre i limiti, per il traffico e per la conformazione della strada che, essendo in salita costringe ad accelerare aumentando il consumo di carburante e le emissioni.

A livello provinciale maglia nera a Rezzato, nel tratto che va dall’autostrada alla cava Italcementi, a Montirone e a Marone. Seguono alcuni paesi attraversati dall’A4, da Erbusco a Castenedolo, ma anche la bassa Valtrompia (Sarezzo e Ponte Zanano), Casto e Odolo in Valsabbia e Maclodio, nella Bassa. Prevalentemente da traffico l’inquinamento da biossidi registrato a Tormini e Salò. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il Rettore Pecorelli non potrebbe intervenire? Lui ci tiene alla qualità dell’aria che respiriamo e questo inquinamento rischia di vanificare la sua meritoria iniziativa di rendere libera dal fumo tutta l’area esterna dell’Università…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome