Berlusconi a Brescia torna leader del centrodestra: con Lega e Fdi siamo maggioranza

17

Il centrodestra ha di nuovo un leader e si chiama Silvio Berlusconi. Ad annunciarlo è lo stesso Cav che ieri, nella giornata conclusiva della tre giorni di formazione politica organizzata da Mariastella Gelmini a Calvagese, è arrivato a bordo di un elicottero bianco tra l’ovazione del pubblico presente.

Il leader del centrodestra non si è risparmiato e di fronte al suo “popolo della libertà” ha ricordato che “i moderati sono e restano la maggioranza del paese – e ha aggiunto – con i voti di Lega e Fratelli d’Italia superiamo il Pd”.

L’obiettivo quindi è ripristinare quelle larghe intese che hanno segnato – spesso – il crollo dei governi di centrodestra. Come ha sottolineato lui stesso dal palco di Calvagese, “avrei voluto attendere il pronunciamento della Corte europea sulla mia condanna per ritornare senza macchia dopo essere stato oggetto di una sentenza ingiusta, ma la situazione del Paese sta precipitando e mi impone di scendere di nuovo in campo, subito”.

Dal palco il leader scalda la sua gente con un programma elettorale che promette meno Stato, meno burocrazia, la chiusura di Equitalia, riforma radicale della giustizia, sostegno a chi vive in povertà, pensioni alle casalinghe, militari nelle strade per la sicurezza, e riforma fiscale con una flat tax al 20%. Il leader del centrodestra è ancora lui, e questo sembra chiaro al suo popolo.

Intanto il mondo produttivo e industriale bresciano che ha partecipato al convegno di Forza Italia che si è svolto sabato a Calvagese, sembra lanciare una sfida al centrodestra di Berlusconi: “se il centrodestra si mette d’accordo su 4 o 5 punti, allora può essere un’alternativa alla sinistra. Ma deve puntare sulla crescita e sulle imprese”, chiede il numero uno di Aib, Marco Bonometti.

Comments

comments

17 COMMENTS

  1. «La presenza di Berlusconi non aiuta a parlare di programmi e proposte concrete», disse Salvini il 9 dicembre 2012.
    «Berlusconi ha già dato, si preoccupi di tenere Thiago Silva e Ibrahimovic al Milan», consigliava il 12 luglio 2012, «perché ha l’età per dedicarsi ad altro e non più alla politica. La nostra gente non ne vuole sapere di un ritorno in campo di Silvio Berlusconi. Basta, basta per sempre: se Berlusconi corre, lo farà senza di noi. La Lega ha avuto la forza e il coraggio di fare un passo avanti e attuare un bel ricambio generazionale. Altri sono fermi a Berlusconi o Bersani che hanno fatto il loro tempo. Sono sicuro che non c’è un solo elettore e un solo militante della Lega disposto a riscommettere su un’alleanza con Berlusconi. Ci abbiamo provato e ci ha portato solo risultati deludenti»

  2. Il paese sta precipitando, dice Berlusconi. Un po’ come lo spread che oggi viaggia sui 110 punti base e il buon Silvio accomiatandosi lasciò invece a 500 punti base con la credibilità internazionale dell’Italia azzerata, l’economia alla canna del gas, la disoccupazione alle stelle e la fiducia degli italiani al lumicino. Ecco c’è proprio bisogno della sua ridiscesa in campo e del suo tocco magico fatto tutto di promesse e illusioni. Un po’ come il suo novello proclama elettorale per il quale servirebbe una copertura finanziaria minima di una cinquantina di miliardi di euro, che ovviamente esistono, appunto, solo nel libro dei sogni.

  3. oggi il suo commento mi delude. Lei cita l’esempio dello spread che ormai è risaputo, per stessa ammissione di componenti di rifondazione comunista tra cui Paolo Ferrero (non berlusconiani di certo), lo spread venne utilizzato artificiosamente per forzare una situazione. La cosa agli stupidi può essere sembrata ottima, ma sono stupidi infatti. Perché è la testimonianza che la democrazia può essere sovvertita da strumenti e forze che di democratico non hanno nulla. Ieri è toccato a Berlusconi domani…… Ma ripeto senza allargare il discorso, lasciamo stare lo spread..

  4. Lo spread fra BTP-BUND era a 500 ed oggi è sceso a 110. Meriti di Monti, Letta e Renzi:sottozero!!! Tutto dovuto alle LTRO ed al QE della BCE.
    Economia nel 2011: PIL + 0,4% (grossomodo come quest’anno) mentre 2012-2013 e 2014, recessione!!!
    Casse vuote? a ottobre 2011 presso la Banca d’Italia c’erano 38,2 miliardi di euro nella disposnibilità del Tesoro. Non mi pare poca roba!!!
    Lo Spread fra la disoccupazione Italia Germania, è invece passato da 150 a 660!!!

  5. Berlu belo pensa al Milan a comprare giocatori e vedere un po' di partite…per la politica lascia fare agli altri dare daje compra qualche difensore….il tuo pensiero deve essere solo questo…dai siamo con te compra compra compra

LEAVE A REPLY