Chiusura uffici postali, Rolfi (Ln): serve azione giudiziaria da parte dei Comuni

0
Bsnews whatsapp

"Dopo la seconda sentenza della Magistratura amministrativa contro il piano di chiusura degli uffici postali, è necessario e urgente che anche i nostri comuni si adoperino per fermare l’azione di Poste italiane che rischia di minare profondamente l’articolazione territoriale di un servizio ad oggi ancora fondamentale in molte piccole comunità." Così il vice capogruppo leghista in Consiglio regionale lombardo, Fabio Rolfi, ha commentato in merito ai tagli previsti da Poste italiane agli uffici postali nel bresciano.

"Serve un’azione giudiziaria, finalizzata a tutelare la presenza di servizi fondamentali", incalza Rolfi. "Per questo sarebbe auspicabile un interesse da parte dell’Associazione dei Comuni bresciani che, in rappresentanza delle comunità locali, dovrebbe affiancare i singoli enti coinvolti. Va detto – chiosa Fabio Rolfi – che fino ad oggi questo ruolo è mancato, forse perché ACB è stata troppo impegnata ad occuparsi di profughi."

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Contro Poste Italiane, socio al 100% lo Stato Italiano attraverso il Ministero dell’Economia e delle Finanze nonché impresa in via privatizzazione e di collocazione in Borsa (il 12 ottobre, per capirci) impegnata a presentarsi ai mercati con un certo “abito d’impresa”, è necessario ed urgente solo…lasciar perdere altro che ricorrere al TAR soprattutto da parte di Enti Pubblici. Fatevene una ragione e se avete dei dubbi contattate il CEO Caio, così vi mettete tutti il cuore in pace.

  2. Le Poste sono un servizio essenziale come la diligenza a fronte dell’aereo. Mai provato a spedire una raccomandata (superata dalla posta certificata)? Quando va bene s’impiega mezz’ora.

RISPONDI