Vittoriale, 200mila euro dalla Regione per illuminare il parco degli italiani

0

“Si illuminano il parco e le notti del Vittoriale. Con questo intervento accresciamo l’attrattività di questo importante monumento esaltandone la ricchezza architettonica e regaliamo a visitatori e turisti una nuova esperienza di visita ancora più suggestiva ed entusiasmante”. Così Mauro Parolini, assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, annunciando l’approvazione da parte della Giunta, su sua proposta in concerto con l’assessore Beccalossi, dello stanziamento 200mila euro per la realizzazione del progetto di illuminazione artistica del Vittoriale presentato dalla Fondazione il Vittoriale degli Italiani.

SALTO DI QUALITÀ – “Da un’idea condivisa solo pochi mesi fa con il presidente della fondazione, Giordano Bruno Guerri, alla sua attuazione il passo è stato breve e concreto. Abbiamo subito creduto in questo progetto – ha spiegato l’assessore – perché può rappresentare un vero e proprio salto di qualità per il Vittoriale in termini di autopromozione, visibilità ed aumento degli accessi”.

RICADUTE PER ECONOMIA LOCALE – “Siamo di fronte ad un intervento attento ed armonico, per la cui realizzazione saranno impiegati complessivamente oltre 680mila euro grazie all’impegno della Fondazione il Vittoriale degli Italiani e al supporto prezioso di A2A, che migliora e completa in modo definitivo la fruizione dei visitatori e che rafforza il legame tra cultura, arte e turismo e la sinergia virtuosa tra enti ed istituzioni. Saranno inoltre evidenti e positive – ha sottolineato Parolini – anche le ricadute sulla filiera del turismo e sull’economia locale”.

IMPORTANZA CULTURA PER TURISMO – “Arte e cultura – ha sottolineato Parolini – sono infatti elementi che concorrono a determinare lo sviluppo turistico della nostra regione e su cui stiamo investendo anche per favorirne l’integrazione con la ricchezza dell’enogastronomia, la tradizione dell’artigianato e della commercio e la fruizione della natura, in modo da accrescere la competitività della Lombardia, e di un’area turistica unica al mondo come quella del Lago di Garda, sul mercato internazionale e per offrire ai turisti un esperienza di viaggio ancora più autentica ed appagante”.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY