Raggirano le zie per il denaro e le lasciano morire di stenti: in tre a processo

0
Bsnews whatsapp

Secondo la difesa non ci fu nessun raggiro all’inizio perché furono le zie a decidere di fare una donazione, ma quello che successe dopo, le due donne morte l’una di stenti e l’altra per incuria, hanno portato sul banco degli imputati S. B., 76 anni di Vestone, la moglie B.B., 72 anni di Bagolino e G. S, di 42 anni.

I fatti risalgono a qualche anno fa: le donne furono lasciate all’abbandono dal nipote, secondo l’accusa. La prima, scrive il Corsera, morì di stenti a 89 anni, mentre la seconda  fu trovata in condizioni di grave incuria. Il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani contesta reati pesanti all’uomo: circonvenzione di incapace e abbandono aggravata dai motivi abbietti, dalla crudeltà, dall’avanzata età delle vittime e dalla morte di una delle due zie.

L’uomo avrebbe abusato della sua qualità di amministratore di sostegno: alla zia Tullia, cieca, e alla zia Lidia, avrebbe fatto sottoscrivere distinte bancarie di prelevamento per circa 300 mila euro ciascuna. I soldi sarebbero poi stati messi a disposizione della moglie e del genero. La Finanza, nonostante alcune operazioni bancarie di occultamento, avrebbe ricostruito i fatti. A far partire le accuse altri nipoti che si sono costituiti parte civile, mentre altri hanno chiesto un risarcimento per vie civili.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. fino a che gente del genere non paga duramente (galera) e restituzione del maltolto, alcune fecce della società .non cambieranno mai. vergognosi, schifosi….. ciò che fai oggi agli altri potesti un domani subirlo tu…

RISPONDI