Via Ziziola, rimesso a nuovo il centro ricreativo per anziani

0
Bsnews whatsapp

Il Comune di Brescia ha sistemato e messo in sicurezza il Centro Ricreativo Culturale per anziani di via Ziziola 22, gestito dall’associazione C.S.R.C. “Parco Ziziola”, fondata nel 2000. Si tratta di una struttura importante, che conta attualmente 315 tesserati provenienti anche da altre zone della città e da paesi vicini e che è normalmente frequentata da circa 90 persone al giorno. La percentuale di partecipazione alle ultime elezioni del consiglio direttivo, inoltre, è stata pari al 78%, a dimostrazione del legame costruito nel tempo con i soci.

Il centro dispone di due giochi di bocce, una sala giochi, un ritrovo di 100 metri quadrati, una saletta di 50 metri quadrati, una zona esterna con due gazebo e altri servizi. Parte delle strutture sono state realizzate con il contributo dei soci.  La struttura, gestita da volontari, è aperta tutti i giorni, festivi compresi, dalle 9.30 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.30. Le attività del centro comprendono 15 gare di bocce e 25 gare annuali di carte, gite e pranzi sociali, incontri con medici, proiezioni, soggiorni in città italiane, 12 tombolate mensili, giornate della solidarietà e due pranzi annuali offerti agli anziani bisognosi segnalati dall’amministrazione comunale.

Gli interventi di riqualificazione eseguiti dal Comune hanno riguardato la copertura in lamiera grecata, che è stata preverniciata e coibentata, in sostituzione del telo in Pvc precedente, vetusto e deteriorato, che causava infiltrazioni d’acqua. Sono stati eseguiti lavori all’esterno della struttura. L’intervento è stato effettuato per ridurre il carico d’incendio, in quanto il telo esistente era privo di certificazioni.

I lavori sono cominciati il 17 novembre 2014 e sono stati ultimati il 26 novembre 2014, per un importo di 16.307,51 euro. È stato adeguato l’impianto elettrico rispetto alle norme sui locali di pubblico spettacolo, derivato da una utenza in bassa tensione da 25 KW, con interruttore generale dotato di bobina e pulsante di sgancio d’emergenza. È stata rifatta la distribuzione dell’illuminazione (compresa quella d’emergenza). Sono state posizionate prese per il collegamento di apparecchiature da cucina, quali piastre a induzione, frigoriferi, lavastoviglie, forni e sono state eliminate le apparecchiature a Gpl. Il progetto elettrico realizzato tiene conto del calcolo probabilistico di fulminazione e dispone di dichiarazione di conformità.

L’intervento è cominciato il 7 aprile 2015 ed è stato ultimato il 3 agosto 2015, per un importo di 35.912,83 euro. È stato smantellato l’impianto a gas, sono state rimosse le bombole, le tubazioni, i riduttori di pressione, i collettori e sono state smontate le apparecchiature da cucina.  È stato inserito un piano di cottura industriale a induzione a due piastre trifase e due piani di cottura a induzione a quattro piastre. Sono stati collocati gli estintori, i maniglioni antipanico ed è stata posata la cartellonistica per le vie di esodo. L’intervento è cominciato a marzo 2015 ed è stato ultimato il 20 maggio 2015, per un importo di 13.700 euro.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI