Spogliarellista vuole donare il sangue, ospedale dice no: scatta la denuncia

5
Bsnews whatsapp

A far uscire il caso, la denuncia spedita dall’associazione Agitalia all’ospedale. La protagonista della storia è una bresciana di 35 anni, ora residente a Reggio Calabria, che si è recata all’ospedale Morelli di Reggio Calabria per effettuare una donazione di sangue, dopo che il suo compagno si era salvato pochi mesi prima, proprio grazie ad una trasfusione nella struttura. Come scrive il Corriere della Sera, la ragazza "si è sentita rispondere che non poteva effettuare alcuna donazione per l’attività che svolgeva da soli quattro mesi". La giovane infatti è iscritta sul sito escort5stelle.it, ma, come ha spiegato lei stessa, non per offrire prestazioni sessuali _ i rapporti ha assicurato averli solo col suo compagno – ma per spettacoli di spogliarello e feste di addio al celibato. Lavoro che le serve per arrivare fine mese visto che il compagno è stato licenziato. La donna, sentendosi discriminata dal rifiuto dell’ospedale, si è rivolta all’Agitalia per vedere se ci sono gli estremi per una denuncia.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

5 COMMENTI

  1. per donare il sangue vanno fatto i controlli. se i risultati mostrano che è in salute non vedo che male ci sia. C’è così bisogno di donatori

  2. Che c’entra questa notizia visto che arriva da Reggio Calabria? Comunque, ognuno/a è libero/a di donare il sangue se non vi sono rischi per la salute dei riceventi.

  3. Una persona omosessuale anche se
    non può donare a meno di mentire sul suo orientamento.È assurdo che a una persona seria e sana venga negata la possibilità di aiutare il prossimo sulla base del principio che il suo orientamento sia sinonimo di promiscuità. Se invece un etero va a prostitute o a trans va bene.

  4. Vorrei ricordare che ci sono molti lavori caratterizzati da un elevato rischio di esposizione ad agenti biologici, anche pericolosi: medici – infermieri e operatori sanitari in genere – addetti alle pulizie – allevatori e agricoltori. Senza contare sulle esposizioni non professionali, che riguardano milioni di persone. Come la mettiamo ?

RISPONDI