Controllo speciale all’ex Pietra: trovati sette stranieri irregolari e tanto degrado

0

Nella mattinata di ieri, tra le 7 del mattino e le 14, personale della Questura insieme a quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Milano e a otto unità della Guardia di Finanza, è entrato nella ex acciaieria “Pietra” di via Orzinuovi, fabbrica ormai dismessa già da tempo utilizzata come rifugio da persone senza fissa dimora spesso dedite ad attività illecite o non in regola con le norme sul soggiorno.

Il controllo ha permesso di individuare nelle stanze interne sette individui, sei uomini ed una donna, quattro di nazionalità ucraina, due di nazionalità marocchina ed uno di nazionalità tunisina.

Gli stranieri al momento del controllo stavano tutti dormendo su giacigli di fortuna e negli spazi occupati erano presenti borse, vestiti ed effetti personali in un contesto ambientale di totale degrado.

Gli stranieri controllati sono risultati tutti non in regola con il permesso di soggiorno e pertanto condotti in Questura ed indagati per irregolarità sul territorio nazionale.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. In pratica, almeno da quel che si evince dall’articolo, per portare in questura 7 (SETTE!!!!) poveri cristi disperati che dormivano tra le macerie delle glorie produttive di Brescia, sono stati impiegati decine di uomini (non so quanti ne servano a comporre “un equipaggio” né cosa si intenda per “unità”) con relativi mezzi sul campo, chissà quanti altri tra uffici e sale radio. Costo dell’operazione? A naso direi che siamo di fronte a un discreto spreco…

  2. purtroppo la giustizia e la sicurezza sono dei costi. Ma forse lei la vede riduttivamente e mi permetto di segnalare una cosa. L’attività delle forze di polizia non era svolta per impedire un sonno tranquillo ma si estende ad altro. Mi spiego, questi signori vivono di attività illecite. Non è che di notte dormono in luoghi occupati e la mattina timbrano il cartellino come chirurghi al civile di Brescia. Se va bene scippano altrimenti c’è spaccio ecc. Quindi grazie al comando Guardia di Finanza per l’intervento.

LEAVE A REPLY