Maternità, indennità per le lavoratrici straniere con permesso ordinario

0

L’indennità di maternità va anche alle straniere con permesso ordinario e il mancato riconoscimento, motivato con l’assenza del permesso di lungo periodo, costituisce quindi discriminazione da parte dell’Inps. A stabilirlo nei giorni scorsi è stato il tribunale di Brescia, a seguito di un ricorso presentato da una donna straniera dopo essersi rivolta alla Cgil di Brescia e successivamente seguito dagli avvocati dell’Asgi, l’Associazione studi giuridici sull’immigrazione.

Per questa indennità, l’art. 75 Dlgs 151/01 prevede il requisito della cittadinanza italiana o comunitaria e, per cittadini di paesi extra UE, la titolarità del permesso di lungo periodo. Il Tribunale di Brescia ritiene però – sulla scorta di precedenti della Corte Costituzionale relativi alle prestazioni di invalidità per gli stranieri – che la prestazione in questione vada ricondotta nell’ambito delle prestazioni volte a garantire “condizioni di vita accettabili” e che come tale sia soggetta al divieto di discriminazione per nazionalità. Si tratta di una delle prime sentenze in tal senso. "Quella del tribunale di Brescia rappresenta una sentenza importante – scrive in una nota la Cgil – che, ancora una volta, ribadisce la necessità di parità di trattamento per i lavoratori e le lavoratrici italiani e stranieri".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Per quello che i pachistani di via trento hanno 5 figli – loro le conoscono tutte le leggi a loro favore ………… alèèèèèèèè

LEAVE A REPLY