Tra Brescia e Cina gli scambi commerciali crescono del 18% in sei mesi

0

Cina e Lombardia: affari che superano già i sette miliardi di euro nei primi sei mesi del 2015, +13%. Grazie soprattutto a un import da 5,6 miliardi che cresce del 15,4% e rappresenta ben il 40,4% del totale italiano. Bene anche l’export: 1,6 miliardi, +5,1%, un terzo di quello nazionale. Milano, prima con oltre la metà del totale lombardo, aumenta il suo interscambio del 18,9%, passando da 3,1 a 3,7 miliardi. Seguono Bergamo (8,1%, +8,3%) e Brescia (7,5%, +18,4%). In forte crescita Mantova che segna un +72,4% rispetto al 2014 e Pavia +21,7%. Si importa soprattutto elettronica (21,3% del totale) e si esportano macchinari (32,2%). Ma si fanno molti affari anche nel settore del tessile e abbigliamento, sia nell’import (il 16,7% delle importazioni, +18,5% rispetto al 2014) che nell’export (un quinto circa delle esportazioni, +32,8%). Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Istat nei primi sei mesi del 2015 e 2014.

“La Cina sta diventando sempre più un fattore determinante per le dinamiche economiche globali e al tempo stesso un’interessante opportunità di investimento per le nostre imprese – ha dichiarato Alfredo Zini, consigliere della Camera di commercio di Milano -. Grazie anche al clima internazionale creato da Expo, ospitiamo questa importante delegazione istituzionale e imprenditoriale della regione del Guangzhou e sigliamo un accordo di cooperazione che permetterà di approfondire i legami commerciali già esistenti ma anche di creare nuove occasioni di collaborazione economica a beneficio delle nostre imprese”.

Le merci più importate per provincia. Se i prodotti tessili sono i più importati per Varese, Como e Bergamo, per Milano, Cremona e Lodi prevalgono gli apparecchi elettronici e computer, per Brescia, Mantova e Lecco i metalli, per Pavia i macchinari, per Monza e Brianza gli apparecchi elettrici e per Sondrio gli altri prodotti manifatturieri.

Le merci più esportate per provincia. Sono i macchinari per quasi tutte le province tranne Milano dove prevale l’export di moda e abbigliamento e Lodi con le sostanze e prodotti chimici.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. mah… 5,6 mld di import e 1,6 mld di export e secondo loro ciò è bene ?? fosse il contrario sarebbe meglio, ma visto così non trovo la cosa poi tanto positiva !

LEAVE A REPLY