Focus Group sulla meccanica: appuntamento lunedì 19 a Brend

0

L’attuale situazione e le prospettive di crescita della meccanica bresciana al centro del prossimo Focus Group, organizzato da Associazione Industriale Bresciana e Unicredit lunedì 19 ottobre alle 17 a Brend (via Moretto, 78 – Brescia).

Il comparto è al terzo posto per importanza nell’economia bresciana con circa 1.400 imprese, quasi 24mila addetti e 5,6 miliardi di euro di fatturato, pari al 16,2% del manifatturiero provinciale. Molto alto anche il livello di internazionalizzazione: la quota della produzione destinata alle esportazioni, infatti, supera mediamente il 60%, per un valore delle vendite all’estero pari al 26,3% del totale del manifatturiero locale.

Il pomeriggio di lavori si aprirà con i saluti di Angelo Baronchelli, presidente del settore Meccanica di AIB e rappresentante legale di AB Impianti, e Alberto Foglia, vice area manager Brescia di Unicredit.

A seguire, Riccardo Masoero e Luigia Campagna dell’ufficio di Intelligence territoriale e settoriale di Unicredit proporranno un’analisi sulla competitività del comparto a Brescia e in Lombardia, focalizzando l’attenzione in particolare su macchine utensili, automazione, rubinetteria e subfornitura.

In chiusura, Fabio Astori (vice presidente di AIB per le Relazioni Industriali e presidente di Luxor), Giuliano Baglioni, (coordinatore di zona AIB Valle Trompia/Lumezzane e presidente di Automazioni Industriali), e Roberto Boni (responsabile Marketing e Innovazione di Idra) commenteranno i dati presentati in una tavola rotonda moderata dal giornalista Camillo Facchini.

Alla luce dei dati esposti, AIB ha deciso di rinnovare il suo supporto a BIE – Brescia Industrial Exhibition, manifestazione alla sua seconda edizione, dedicata alle lavorazioni e tecnologie dei metalli, il cui concept nasce proprio dai dati presentati dallo studio Unicredit ed a Metef. Due appuntamenti, specializzati e tecnici, che hanno infatti lo scopo di valorizzare le eccellenze bresciane, favorire le relazioni B2B nel settore, facilitando nuovi scambi commerciali, e garantire la presenza di operatori stranieri per stimolare l’export.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome