Nel carcere di Opera la prima sala giochi. A gestirla il pluriomicida bresciano Gatti

0

Inaugurata nel carcere di massima sicurezza Opera di Milano la prima ludoteca interamente di videogiochi. Il gestore è il detenuto bresciano Guglielmo Gatti, l’ingegnere che nell’estate del 2005 fece a pezzi gli zii Luisa De Leo e Aldo Donegani nella loro villetta.

L’area messa a disposizione per il divertimento ludico dei detenuti si trova all’interno della Biblioteca del carcere, gestita sempre da Gatti che è anche la firma di punta del periodico interno dei detenuti. Dopo la condanna infatti il pluriomicida si è dedicato molto alla lettura.

Oltre ai classici, i detenuti avranno quindi a disposizione una sala giochi con tre postazioni pc donate da azienda locali con i quali potranno giocare. Ma niente giochi violenti, solo educativi o creati con finalità divulgative e scientifiche.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. L’intelligenza di quel gnaro è sempre stata il suo forte. Mi fa piacere che non abbia perso tempo e si sia dato da fare per rendere utili le sue giornate vuote in carcere

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome