Provincia di Brescia: bando per stabilizzare tirocinanti e assumere over 45

0

La Provincia di Brescia ha dato il via all’intervento che prevede lo stanziamento di 170 mila euro in favore di soggetti economici che abbiano in atto un tirocinio curriculare o extracurriculare e si impegnino ad assumere, con contratto di lavoro subordinato, il tirocinante ospitato, oppure che abbiano in atto una ricerca attiva del personale e si impegnino ad assumere con contratto di lavoro subordinato una persona con età anagrafica uguale o superiore a 45 anni.

“Questo progetto – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Brescia Pier Luigi Mottinelli – prevede un incentivo economico per il soggetto economico che trasforma il tirocinante ospitato in lavoratore dipendente o assume una persona over 45. Il contributo varia da un minimo di 3.500 ad un massimo di 6mila euro”.

“L’assegnazione del contributo – ha precisato il Consigliere Gianluigi Raineri – avverrà con procedura “a sportello” e sarà subordinata al rispetto delle modalità di presentazione della domanda, alla verifica dei requisiti di ammissibilità previsti dal presente bando e alla disponibilità delle risorse”.

Il termine ultimo per la presentazione delle richieste di contributo è entro e non oltre le ore 12 del 15/12/2015, salvo chiusura anticipata del bando per esaurimento fondi o eventuali proroghe concesse dalla Provincia di Brescia.

“Continua dunque – ha concluso il presidente Mottinelli – l’impegno della Provincia di Brescia, quale Casa dei Comuni, ascoltare le esigenze della comunità, supportando concretamente lavoratori e incentivando le aziende”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. 170mila euro per 3500 euro minimo di contributo ad ogni tirocinante vuol dire che saranno “aiutati” 48 titolari? beh dai così risolviamo tutto, vero Mottinelli?

  2. I numeri che supportano questa “goliardata pubblica” si commentano da soli. La Provincia, falsamente smantellata, come Casa dei Comuni ? Lasciamo perdere e usiamo i 170 mila euro per comprare dei pannolini per neonati alle mamme che manco quelli si possono più permettere. Il nome dell’iniziativa c’è già e risale alla mitica ideona (duramente sanzionata) del duo Paroli-Rolfi: “bonus bebè”.

  3. Il bonus cresco erogato della regione lombardia é un bonus NON Aperto á tutti visto come vieni concesso NON á norma di domanda/recevuta.le varie negazione di questo bonus sono assai SMIle á quelli de l’ex sindaco forzista di brescia ;tacitament vengono applicato criteri contro bambini..si presume italiani tuteilati …

  4. bandi statali bandi regione lombardia bandi provincia bandi comuni bandi associazione di comuni bandi altri enti piu’ o meno pubblici consorzi fondazioni ecc
    A chi vanno tutti questi denari? Ai lavoratori? Ai disoccupati?

LEAVE A REPLY